Cronaca
Commenta

Piscina, primo incontro tra
Comune e gli spagnoli di Forus

I nuovi titolari spagnoli del contratto di project financing per la ristrutturazione della piscina hanno incontrato ieri pomeriggio lo staff dell’assessorato allo Sport e l’assessore Luca Zanacchi. Era la prima riunione in presenza dopo quella, interlocutoria, avvenuta il 17 gennaio e ha visto la partecipazione del presidente di Forus Ignacio Triana e del direttore del settore sviluppo Gregorio Garcia, oltre che dei rappresentanti italiani della società che ha rilevato il ramo d’azienda da Sport Management.

I presupposti sembrano buoni, la società si è detta disponibile a presentare il progetto di ristrutturazione dell’impianto attorno al 10 febbraio: stando a quanto hanno assicurato, non verrà richiesto nessun esborso aggiuntivo al Comune, diversamente da quanto era accaduto con Sport Management. Lo scorso anno infatti la società veronese aveva presentato il progetto da 1,7 milioni di euro per il recupero della vecchia piscina come palestra ed altri interventi, ma aveva chiesto che l’ente locale si facesse carico di una serie di manutenzioni straordinarie per ben 700 mila euro.  La Giunta aveva detto no e così il progetto si era bloccato.

Ora le cose sembrano poter ripartire da zero, archiviando la disavventura giudiziaria che sta bloccando da anni il rinnovamento dell’impianto natatorio.

“Nell’incontro del 17 – spiega Zanacchi –  avevamo messo a punto i necessari passaggi amministrativi e avevamo fissato a ieri il termine ultimo per avere dalla società delle puntuali risposte ai nostri quesiti. Forus ci ha risposto il 25. Nell’incontro che abbiamo avuto in presenza abbiamo affrontato altri temi di carattere amministrativo e ragionato sulle tempistiche. Per me è stata l’occasione per spiegare come e quanto il tema sia molto sentito dalla cittadinanza, e ho ribadito la necessità di voltare pagina rispetto al passato. Anche se adesso il progetto dovesse essere lo stesso dello scorso anno, i presupposti sono diversi perchè Forus ha assicurato che non è sua intenzione chiedere nulla al Comune, più di quanto sia previsto nel contratto. Quindi né in termini di risorse economiche né di allungamento della convenzione”.

Oggi alle 17,30, in sala Quadri di palazzo Comunale, si terrà una riunione della Commissione servizi alla persona per l’illustrazione di quanto emerso nell’incontro. gbiagi

© Riproduzione riservata
Commenti