Politica
Commenta

Adesione Comune all'Ats, Galimberti
"Ecco quello che ci aspettiamo"

Oltre 60 comuni hanno aderito all’Associazione temporanea di scopo per la promozione territoriale  (ATS) che dovrà affiancarsi agli attori privati per valorizzare dal punti di vista economico e di marketing la provincia, partendo dagli ambiti tematici individuati nel Masterplan 3C, commissionato ormai tre anni fa dall’Associazione Industriali. 12 le associazioni che hanno aderito, altre potranno ancora farlo. Prima presentazione  dell’Ats giovedi 14 aprile alle 17 a teatro Ponchielli, a cura della Provincia di Cremona a cui tutti i soci conferiscono il mandato di rappresentarli. Ma già oggi, questo strumento operativo per dare una maggiore visibilità alle eccellenze cremonesi e per arrivare ad un brand identificativo, è stato illustrato dal sindaco Gianluca Galimberti in consiglio comunale.

Galimberti ha elencato le azioni che dovranno caratterizzare l’Ats, sottolineando che il capoluogo dovrà tenere in conto lo sviluppo complessivo della provincia, e quindi anche dei piccoli più piccoli.

“Quello che chiediamo all’Ats – ha detto Galimberti – è uno sguardo provinciale; se tutta la provincia si sviluppa tutti ne godiamo. Ma chiediamo anche di valorizzare i percorsi già in atto: bisogna conoscere ciò che di positivo si sta già realizzando. Ci aspettiamo che l’Ats li promuova davvero. Infine ci aspettiamo che sia un luogo privilegiato di confronto tra pubblico e privato per individuare ulteriori percorsi di sviluppo, tenendo conto anche delle risorse del Pnrr”.

L’adesione all’Ats è stata approvata all’unanimità, come era accaduto in commissione.  Unico distinguo quello di Carlo Malvezzi (FI): “Siamo contenti che ci sia questo strumento, che fino ad oggi è stato trattato con sufficienza, a cominciare dalla provincia. C’è stata una netta presa di posizione di un gruppo di sindaci, che hanno alimentato la mancanza di coinvolgimento. Oggettivamente siamo in un territorio fragile, spero che ora si introduca un criterio nuovo”.

Gli obiettivi dell’Ats elencati da Galimberti in sintesi.

Arrivare alla definizione di un brand, con una strategia integrata per la promozione delle eccellenze del territorio.

Evidenziare le eccellenze formative presenti dagli Ifts all’università.

Identificare il Polo universitario di Crema, a La Pierina, come centro hub per l’innovazione, in analogia con quanto si è sviluppato a Cremona con i poli universitari. 

Rafforzamento della filiera lattiero casearia: valorizzazione delle eccellenze del territorio, obiettivo che ha visto ultimamente la creazione del Centro innovazione agrozootecnica

Tema agrifood in sinergia con il cluster di Lodi.

Potenziamento della Fiera di Cremona: incentivare nuove attività (è stato citato ad esempio il recente Cremona&Bricks come manifestazione in grado di ampliare il bacino d’utenza); agroalimentare come tema strategico; valorizzazione di Cremona Musica, questi ultimi i due pilastri del sistema fieristico cremonese.

Insediamento di nuove attività produttive: i pacchetti localizzativi che possano portare imprese nel territorio cremonese.

Creazione di un brand per l’attrattività turistica. Proprio oggi Cremona era presente alla Bit di Milano.

Strategia per il rafforzamento infrastrutturale. “Mi auguro che il raddoppio della Cremona – Mantova – Codogno sia completato; stiamo inoltre insistendo con Regione Lombardia ed Emilia per la Brescia – Cremona – Piacenza”, ha detto Galimberti.

Potenziamento Polo Innovazione digitale. Presentato da poco il laboratorio certificato per la nascita di nuove start up.

Progetti per sviluppo servizi alla persona, con particolare riguardo alla silver economy. 

Laboratorio della musica e del suono: piano di salvaguardia Unesco; formazione dei liutai.

Impegni green: quelli di A2A.

Accrescere una occupazione di qualità e di prospettive, soprattutto per giovani e donne. Il comune è già attivo con Informagiovani, entro maggio approveremo un pacchetto di agevolazioni per giovani studenti.

Progettare una strategia di comunicazione.

gbiagi

QUI  il testo della costituzione Ats

© Riproduzione riservata
Commenti