Cronaca
Commenta

Polizia di Stato, un anno di lotta
al crimine: tutti i dati dell'attività

FOTO SESSA

In occasione delle celebrazioni per il 170esimo anniversario della Polizia di Stato, sono stati resi noti i dati sull’andamento della criminalità in provincia di Cremona relativi all’anno appena trascorso e ai primi mesi del 2022.

Nel nostro territorio si conferma sostanzialmente il trend nazionale di flessione dei delitti: nel 2021 ne sono stati registrati 9.221, con un incremento, rispetto all’anno precedente, del 13%. “Considerando, però”, ha sottolineato il questore Michele Sinigaglia, “il 2020 un termine di raffronto anomalo in considerazione del lockdown, che ha condizionato i dati, il confronto con il 2019 conferma il trend positivo in corso da quasi un decennio, con un decremento complessivo attestato sul 5%”. Per alcune tipologie di reati si registra una riduzione anche maggiore: meno 28% di furti, meno 42% di rapine, meno 18% di violenze sessuali.

Dal punto di vista dell’attività di contrasto, lo scorso anno la polizia ha tratto in arresto 73 persone, con un incremento di oltre l’80% rispetto al 2020. Le persone denunciate sono state 897, con un incremento del 32%. Sul piano preventivo sono state controllate 24656 persone, con una leggera flessione rispetto all’anno precedente, quando il lockdown e le restrizioni alla circolazione avevano reso necessario procedere ad un numero straordinario di controlli.

Molteplici le misure di prevenzione di competenza del questore adottate nel corso del 2021, tra le quali 13 ammonimenti nei confronti di autori di condotte persecutorie e 64 fogli di via obbligatori.

Tra il primo aprile del 2021 e il 31 marzo del 2022 sono state emesse 310 ordinanze dispositive di servizi di ordine pubblico, prevalentemente finalizzate ad assicurare i servizi di controllo sulle disposizioni anti Covid e per assicurare il regolare svolgimento di eventi sportivi, con l’impiego di 4600 unità della Polizia di Stato.

Tra le manifestazioni di particolare rilievo, soprattutto in termini di organizzazione e gestione dei  servizi a tutela dell’ordine e sicurezza pubblica, si segnalano la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il passaggio della 18° tappa del Giro d’Italia di ciclismo.

L’Ufficio Immigrazione ha istruito 82 procedimenti conclusi con altrettante espulsioni di stranieri extracomunitari irregolari, curandone l’esecuzione. Nonostante le limitazioni dovute alla diffusione della pandemia, che ne hanno condizionato significativamente l’attività, in 15 casi c’è stato l’accompagnamento diretto alla frontiera, e in altri 17 casi l’accompagnamento presso Centri di Permanenza per il Rimpatrio. A questa attività si aggiungono 54 ordini di allontanamento dal territorio nazionale.

La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura ha effettuato una mirata opera di controlli nei confronti di attività ed esercizi commerciali: 147 i controlli effettuati e disposta  la chiusura di 3 esercizi pubblici.

Ruolo primario nel contrasto della criminalità è svolto, con il supporto della Scientifica, dalla Squadra Mobile, che ha condotto significative attività di indagine, con particolare attenzione ai settori della lotta ai traffici illeciti, ai reati predatori, alla violenza di genere, traendo in arresto 45 persone e indagandone 194 in stato di libertà.

La Digos, la cui attività di polizia giudiziaria è focalizzata su tematiche strettamente connesse all’ordine pubblico (manifestazioni pubbliche, terrorismo), ha segnalato all’autorità giudiziaria 26 persone.

Il Commissariato di Crema ha segnalato 1241 interventi della Squadra Volante e ha operato 135 controlli amministrativi. L’attività di polizia giudiziaria ha portato ad indagare in stato di libertà 167 persone e a trarne in arresto 30.

La Sezione di Polizia Stradale ha impiegato 4268 pattuglie sul territorio. In totale sono state accertate 16968 infrazioni al codice della strada con il ritiro di 161 patenti.

La Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni si è dedicata ad attività di prevenzione di fenomeni criminosi realizzati attraverso incontri con istituti scolastici sui temi relativi all’utilizzo della rete, specificamente del fenomeno del cyberbullismo. L’ufficio è attivo anche nella ricezione di segnalazioni di cittadini su problematiche di interesse specifico, quali contratti di telefonia, pubblicità molesta e utilizzo dei social network, tanto da aver ricevuto 419 denunce di reato.

In ambito ferroviario, il distaccamento della Polizia Ferroviaria ha impiegato 1200 pattuglie, sia presso gli scali che a bordo treno, indagando in stato di libertà 13 persone.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti