Cronaca
Commenta

Primi incontri alla Fiera
zootecnica, dall'1 al 3 dicembre

Iniziano i preparativi per l’organizzazione, dal 1 al 3 dicembre, delle Fiere Zootecniche Internazionali, che quest’anno giungono alla 77esima edizione (oltre alla versione online del 2020). Nei giorni scorsi gli allevatori si sono ritrovati  a CremonaFiere per mettere insieme suggerimenti e proposte, in un clima di collaborazione.

La riunione introdotta dal presidente Roberto Biloni, è partita dall’edizione 2021 conproiezione di filmati e testimonianze dirette, per arrivare a confermare la nuova data della fiera, che si terrà appunto dal primo al tre dicembre 2022 (da giovedì a sabato, ma che prevede eventi di valorizzazione di filiera la domenica), una collocazione da ritenersi definitiva nel panorama fieristico internazionale.

“Conservare, sostenere e far crescere il valore storico della Fiera a vantaggio del territorio e dell’intero settore. Questo è una delle missioni di CremonaFiere–dichiara Roberto Biloni, Presidente di CremonaFiere-.  Ci tengo a far notare che in questo caso il territorio di riferimento è quello nazionale dal momento che Cremona rappresenta l’eccellenza dell’intero settore agro-zootecnico italiano, infatti la fiera, che ne costituisce la sintesi, è un patrimonio dell’intero settore”.

La fiera, che rinnoverà anche il suo layout con una serie di iniziative nuove – come ad esempio,  prove di macchine agricole al chiuso -, confermando il tradizionale programma convegnistico di pregio, vedrà i suoi momenti forti nella mostra, il dairy show internazionale che lo scorso anno ha incantato non solo gli addetti ai lavori; nell’asta, oltre che ovviamente nella vetrina espositiva, che resta un momento di confronto di valore unico per gli operatori del settore.

“Grande – si legge nel comunicato stampa dell’ente Fiera –  l’entusiasmo manifestato da parte degli allevatori, che con la passione che li contraddistingue hanno ripercorso a diverse voci, le tappe che hanno costituito il cammino del 2021, verso il successo dello scorso novembre. Né poteva mancare la commozione ricordando la straordinaria figura di Giuseppe Quaini, l’allevatore cremonese, grande protagonista della fiera, recentemente scomparso, ma protagonista del mondo allevatoriale internazionale e membro del board di CremonaFiere.

Tantissimi gli spunti emersi dall’incontro, che è stato anche seguito on line dagli allevatori delle regioni del Sud; dalle nuove proposte circa i premi da riconoscere agli allevatori, fino a quelle che puntano a rafforzare il coinvolgimento dei consumatori, un tema quest’ultimo su cui CremonaFiere sta lavorando già da diverse edizioni.

In sintesi, il riscontro molto positivo dello scorso anno ha portato gli allevatori ad essere molto motivati ad esserci anche nella prossima edizione di dicembre che sarà: mostra innovativa e internazionale, asta di altissimo livello e internazionale, esposizione dell’innovazione agro-zootecnica anche in considerazione della vocazione del territorio dall’allevamento alla formazione universitaria, alla ricerca.

“Questa riunione – ha sintetizzato Massimo De Bellis, Direttore Generale di CremonaFiere – ha messo in evidenza ancora una volta come la mostra sia radicata nel mondo allevatoriale, che ne rappresenta l’anima appassionata. Inoltre, è anche emerso il “peso” di questa mostra, che rimane un appuntamento insostituibile, che il mondo agricolo e non solo vive come grande opportunità di incontro e di confronto e soprattutto di crescita professionale”.

© Riproduzione riservata
Commenti