Cronaca
Commenta

Siccità, Fontana: "Per ora niente
razionamenti in Lombardia"

Mentre il livello del fiume Po continua inesorabilmente a scendere (l’idrometro di Cremona misura -8,34 alle 13 del 21 giugno), in Lombardia per ora non si parla di razionamenti dell’acqua per uso civile. A rassicurare è stato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della missione istituzionale in corso oggi a Bruxelles.

“Stiamo intervenendo per risolvere il problema degli usi agricoli” ha evidenziato il Governatore. “Ci stiamo lavorando da due mesi e abbiamo già posto in essere una serie di iniziative concordate col mondo dell’agricoltura, per esempio per rinviare alcune semine e consentire di abbassare il deflusso vitale e far alzare il livello dei laghi”.

“Bisogna ora capire – ha detto ancora Fontana – quelle che sono le differenti esigenze delle diverse regioni. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, mi ha anticipato che affronterà anche questo tema”.

Per quanto riguarda il Lago Maggiore, il presidente Fontana ha sottolineato che sono in corso interlocuzioni con il Canton Ticino e in particolare con il suo rappresentante, Norman Gobbi. “L’assessore Massimo Sertori ha parlato con Norman Gobbi – ha affermato Fontana – affinché quest’ultimo si interfacci con i responsabili dei bacini idroelettrici per cercare di avere un rilascio maggiore di acqua. I rapporti con il Canton Ticino sono positivi dunque mi auguro possano comprendere le nostre necessità”.

© Riproduzione riservata
Commenti