Cronaca
Commenta

Giovani, quartieri e beni comuni
Finanziato progetto da 40mila euro

Coinvolgimento dei giovani nella vita di quartiere: le attività del progetto "Affare fatica"

Finanziato da Regione Lombardia il progetto del Comune di Cremona per la promozione della cittadinanza attiva e della partecipazione giovanile, la produzione di idee, la cura dei beni comuni e lo sviluppo di competenze Progettare e realizzare un percorso articolato in azioni coordinate ed integrate, finalizzate a stimolare nei giovani la partecipazione attiva, la produzione di idee, la cura dei beni comuni e lo sviluppo di competenze.

Sono questi i principali obiettivi del progetto CRevolution: partecipare ad arte presentato dal Comune di Cremona e frutto del lavoro di collaborazione tra i Servizi Centro Quartieri e Beni Comuni e Informagiovani, Orientamento, Scuola, Università, Sviluppo Lavoro nell’ambito del bando Giovani SMART finanziato da Regione Lombardia attraverso il Fondo Nazionale per le Politiche giovanili.

Il progetto, arrivato al 16° posto su 163 finanziati a livello regionale e primo per la provincia di Cremona, ha ottenuto un contributo di 40.000,00 Euro e vede il Comune di Cremona capofila di un partenariato composto dall’associazione di volontariato DRUM BUN – ODV, dal Centro Fumetto “Andrea Pazienza”, da Cosper S.C.S Impresa Sociale, CSV Lombardia Sud, e Il Cerchio Società Cooperativa Sociale.

Il bando Giovani SMART ha lo scopo di sostenere iniziative rivolte ai giovani per contrastare il fenomeno del disagio giovanile e le varie forme di fragilità con la promozione e il supporto di percorsi di crescita, partecipazione e inclusione sociale, oltre ad opportunità di supporto psico-fisico, mediante l’organizzazione di laboratori artistici e musicali e l’accesso, gratuito e libero, alle attività sportive sul territorio. Obiettivo principale del bando è coinvolgere e aggregare i giovani, rendendoli protagonisti nei loro contesti di vita.

In particolare, verranno realizzati in quattro quartieri cittadini percorsi/laboratori nei quali i giovani incontreranno diverse realtà territoriali e avranno l’opportunità di acquisire conoscenze e competenze sul contesto locale, sull’associazionismo, gli strumenti di partecipazione, in particolare per quanto riguarda i Beni Comuni. Saranno attivati focus intergenerazionali, nonché percorsi nei quali sperimentare direttamente modalità, strumenti e dinamiche di partecipazione attiva alla vita della propria comunità locale. Da qui si costituiranno gruppi di lavoro per realizzare interventi ed eventi orientati a rendere il luoghi di vita più identitari.

Nei diversi quartieri cittadini saranno organizzati percorsi di crescita, partecipazione e inclusione sociale, laboratori culturali, teatrali, artistici e musicali e attività ludico ricreative per  sperimentare attivamente le life skills, promuovere la cura del proprio quartiere quale bene comune, la partecipazione attraverso momenti di socializzazione e scambio tra coetanei e con gli adulti in ottica di peer education.

C’è inoltre la volontà di recuperare spazi fisici, cognitivi ed emotivi ritessendo la relazione con e tra minori nei quartieri. Mi racconto e mi disegno Quest’azione prevede laboratori di fumetto nei quali i giovani partecipanti acquisiranno le competenze grafiche e linguistiche di base. I fumetti così prodotti saranno diffusi attraverso il web, pubblicazioni autoprodotte e l’affissione nei luoghi di socializzazione dei quartieri.

I giovani saranno posti al centro dell’intera attività di comunicazione del progetto: lo scopo è infatti stimolare in loro il senso di appartenenza e un atteggiamento pro-attivo che permetta di maturare e sperimentare competenze nel settore della comunicazione integrando le dimensioni analogica e digitale.

Attraverso la formazione on the job e la peer education i ragazzi potranno acquisire hard skills riferite alla comunicazione e, con la guida di educatori e tecnici, cimentarsi sul campo nell’utilizzo di diversi canali e linguaggi e nella produzione di materiale grafico, fotografico, video e di altri contenuti per i social e il web.

Il Comune di Cremona è inoltre partner di altri 3 progetti che hanno ottenuto il finanziamento da Regione Lombardia attraverso il bando Giovani SMART: DO IT: enjoy your life skill (capofila Il Cerchio Società Cooperativa Sociale), Free: it is my time, it is my city (capofila Anfass Cremona Onlus) e Giovani Smart: sportivi e cittadini attivi (capofila Sansebasket Ass. Dil.). Si tratta di progettualità tra loro correlate grazie alle quali è possibile mettere “a sistema”, con un approccio integrato al target e ai bisogni, azioni ed esperienze, valorizzando la pluralità dei punti di vista, delle competenze e delle capacità di ingaggio dei giovani. La finalità è costituire una rete partecipata, che prosegua nel tempo, fatta da giovani ed organizzazioni con il comune interesse di alimentare percorsi ed iniziative di educazione alla cittadinanza, contrastare il disagio, tutelare la fragilità, sviluppare competenze e favorire la ripresa della socialità anche grazie alla pratica sportiva.

© Riproduzione riservata
Commenti