Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Governo, Berlusconi il più veloce: Meloni seconda con Prodi

(Adnkronos) – Silvio Berlusconi cede la premiership e la leadership del centrodestra, ma mantiene il record di velocità nella formazione del Governo, 25 giorni dalla data delle elezioni al giuramento. Nel 2008, sedicesima legislatura, dopo le elezioni del 13 aprile; l’insediamento delle Camere il 29; le consultazioni il 6 maggio; l’incarico al leader del Popolo della libertà con l’immediato scioglimento della riserva e la nomina dei ministri arrivò il 7. Il Governo entrò in carica l’8 con il giuramento al Quirinale, 25 giorni in tutto per l’appunto.  

Giorgia Meloni, che giurerà domani, eguaglia al secondo posto Romano Prodi, 27 giorni dalle elezioni del 25 settembre, passando per l’insediamento delle Camere il 13 ottobre, le consultazioni di ieri ed oggi prima dell’incarico, con l’accettazione, l’indicazione e la nomina dei ministri.  

Nel 1996 si votò il 21 aprile, le Camere si insediarono il 9 maggio, il 15 ci furono le consultazioni, il giorno dopo l’incarico a Romano Prodi, quindi il 17 scioglimento della riserva e nomina dei ministri, il 18 il giuramento, in tutto 27 giorni. 

Cinque anni dopo si votò il 13 maggio, il 30 ci fu la prima seduta del nuovo Parlamento, l’8 giugno le consultazioni, il 9 l’incarico a Berlusconi, il 10 lo scioglimento della riserva e la nomina dei ministri, l’11 il giuramento, in questo caso 29 giorni.  

Alcide De Gasperi e lo stesso Prodi riuscirono a formare il loro quinto e secondo Governo in un tempo relativamente breve nonostante avessero dovuto attendere la nomina del nuovo Presidente della Repubblica. Nel 1948, dopo le elezioni del 18 aprile, l’avvio della legislatura l’8 maggio e l’elezione di Luigi Einaudi l’11, il leader Dc si insediò il 24 maggio, a 36 giorni dal voto.  

Nel 2006, invece, dopo le elezioni del 9 aprile, l’insediamento del Parlamento il 29, l’elezione di Giorgio Napolitano il 10 maggio, il Professore giurò il 17, a 38 giorni dal voto. 

Una ipotetica hit parade nella quale entrano anche Giovanni Leone (37 giorni nel 1968 dal voto del 19 maggio al giuramento del 25 giugno); Amintore Fanfani (38 giorni nel 1958 dalle elezioni del 25 maggio al giuramento del 2 luglio), Bettino Craxi (39 giorni nel 1983 dal voto del 26 giugno al giuramento il 4 agosto).  

Al contrario sembra difficilmente superabile il record stabilito da Giuseppe Conte nella precedente legislatura, insediatosi a palazzo Chigi il 1 giugno del 2018, 89 giorni dopo le elezioni del 4 marzo.  

Cinque in più rispetto agli 84 che furono necessari a Giuliano Amato, premier dal 28 giugno del 1992, dopo il voto del 5 aprile, passando per le dimissioni del Presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, e l’elezione del successore, Oscar Luigi Scalfaro, arrivata il 25 maggio, due giorni dopo l’attentato a Giovanni Falcone. 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.