Cronaca
Commenta

Piacenza e Cremona, dalla ferrovia
all'università si rafforza l'intesa

Incontro in Municipio a Piacenza, stamani, tra la sindaca Katia Tarasconi e il primo cittadino di Cremona Gianluca Galimberti. Un confronto fruttuoso, durante il quale è stata confermata la disponibilità a continuare a lavorare in stretta collaborazione sulle tematiche comuni e ad affrontare le criticità nell’ottica di agire in sinergia, anche in virtù del forte sviluppo in atto nelle due città e nei rispettivi territori.

Prioritario il tema del collegamento ferroviario tra i due capoluoghi: il ripristino delle tratte ferroviarie Cremona-Piacenza e Cremona-Fidenza è infatti strategico sia per Cremona, sia per Piacenza, per i cittadini e per le imprese. A tal fine si provvederà a sollecitare di nuovo, congiuntamente, l’interlocuzione con le rispettive Regioni e i gestori della tratta ferroviaria, anche alla luce di dati e riscontri dei pendolari sulla tratta sostitutiva su gomma Piacenza-Cremona.

Altra questione importante che lega i due territori è il “Contratto di Fiume” sottoscritto dai due Comuni, che indica il percorso di pianificazione e valorizzazione del bacino del Po da progettare insieme, la cui metodologia e il percorso stesso sono condivisi in itinere con tutti gli attori e i portatori di interesse. Il vicesindaco di Cremona Andrea Virgilio e l’assessora all’Ambiente del Comune di Piacenza Serena Groppelli sono, a tal proposito, già in contatto. Condiviso, inoltre, l’impegno di valorizzare – con realizzazione del tratto di competenza – il tragitto della ciclovia VenTo, che consentirà la connessione con la Ciclovia del Po: al centro dell’attenzione, gli itinerari naturalistici e paesaggistici legati al turismo sulle due ruote, nonché la dotazione di infrastrutture e servizi adeguati, “in un’ottica di reciproca promozione che può proficuamente estendersi, anche attraverso manifestazioni ed eventi coordinati, al patrimonio storico e culturale delle nostre due città d’arte”.

A unire Piacenza e Cremona è anche la forte vocazione universitaria delle due città, caratterizzata dalla presenza di indirizzi comuni delle sedi territoriali del Politecnico di Milano e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Le Amministrazioni confermano l’impegno su questi temi anche attraverso progetti coordinati e l’organizzazione di eventi, anche a carattere sportivo. “Rafforzare, in generale, il dialogo e le opportunità di collaborazione – rimarcano Tarasconi e Galimberti – ci consentirà di affrontare insieme e in modo integrato la messa in rete e la valorizzazione sinergica di una vasta gamma di eccellenze da offrire alla fruizione turistica, ambientale, sportiva, culturale ed enogastronomica, sulla sponda lombarda ed emiliana del Po, consolidando il dialogo tra i rispettivi assessorati e pensando anche ad eventi promossi congiuntamente”.

© Riproduzione riservata
Commenti