Cultura
Commenta

Biblioteca del Manin intitolata
a Pasolini: il 18 novembre la cerimonia

Se il 2021 è stato l’anno dedicato alle celebrazioni per Dante Alighieri, il 2022 sarà ricordato per le molte iniziative, in Italia ma anche all’estero, avviate per celebrare Pier Paolo Pasolini, nato un secolo fa. Innumerevoli sono state conferenze, simposi, esposizioni, articoli di giornali e di riviste e di libri che si sono occupati del controverso intellettuale.

Tra i tanti, non si può non ricordare “PPP. Le piccole patrie di Pasolini” (La nave di Teseo, 2022) di Alessandro Gnocchi, direttore della pagina della cultura de “Il Giornale” che ha dedicato pagine interessanti al “Pasolini cremonese”. Gnocchi, peraltro, ha anche tenuto un’interessante ed appassionante conferenza nell’ambito di una manifestazione, dedicata al poeta di Bologna, organizzata dall’Associazione ex alunni del Liceo-ginnasio “D. Manin”, con la collaborazione dello stesso Liceo-ginnasio “D. Manin” di Cremona per la direzione della professoressa Renata Patria Rozzi, già insegnante di materie letterarie presso la suddetta scuola.

Al Manin, venerdì 18 novembre alle 11.00, verrà intitolata ufficialmente la biblioteca della scuola a Pier Paolo Pasolini alla presenza di Luca Burgazzi, assessore alla cultura del Comune di Cremona. L’iniziativa, fortemente voluta dalla dirigente scolastica Maria Grazia Nolli e dalla professoressa Barbara Zagni, insegnante di filosofia e storia al liceo, rende omaggio a Pasolini che fu studente proprio nel liceo-ginnasio cremonese.

Ospiti dell’evento saranno Alessandro Gnocchi, il critico d’arte collaboratore della “Fondazione Magnani Rocca” Mauro Carrera, lo studioso delle avanguardie del ‘900 Guido Andrea Pautasso e Alessandro Zontini, ex alunno del Manin, che interverranno disquisendo dei molteplici aspetti del mondo pasoliniano.

Seguirà alle 18.00 nella sala conferenze della “Società Filodrammatica Cremonese”, in piazza Filodrammatici n. 4, la presentazione dell’ultimo libro di Claudio Siniscalchi, “Teorema sessantottino. Pier Paolo Pasolini alla XXIX Mostra del cinema di Venezia” (Ardente, 2022), con la prefazione di Gnocchi.

Il volume è un imperdibile saggio dedicato alla passione pasoliniana per la cinematografia, affrontando però il problema del cinema inteso come evento e fenomeno politico e sociale. Nella prefazione al libro di Siniscalchi, Gnocchi precisa che l’autore, partendo dalla disamina dei film di Pasolini legati a tematiche religiose, ragiona del rapporto controverso tra l’intellettuale e il mondo cattolico mettendo in discussione proprio il suo ruolo di credente sui generis e, soprattutto, indagando sul personale rapporto instaurato con il sacro e la fede cattolica.

All’evento, dopo i saluti del presidente della “Società Filodrammatica” Giorgio Mantovani, interverranno ancora Pautasso e Zontini che parleranno delle stranezze legate al film capolavoro pasoliniano “Teorema” accompagnati da suggestive immagini e documenti letterari e cinematografici “pasoliniani”.

© Riproduzione riservata
Commenti