Eventi
Commenta

Cicli e moto d'epoca in mostra
a Ca' de Somenzi l'8 dicembre

Foto di una passata edizione

Storia, tradizione, cultura (a due e quattro ruote) si intersecano, giovedì (8 dicembre) a CremonaFiere, dove il Cavec – riannodando i fili con il passato – propone una nuova edizione della Mostra scambio di auto, moto e cicli d’epoca. Ormai tutti occupati gli (oltre centocinquanta) spazi espositivi del “padiglione 1”, la rassegna attende i visitatori (dalle 8.30 alle 17).

A proporre la “mostra scambio”, insieme al sodalizio degli appassionati cremonesi, è una realtà specializzata del settore, già responsabile di altri appuntamenti analoghi nel Veneto. Si tratta di una partnership importante che dà slancio per rendere (di nuovo), come è stata già in passato, la rassegna al polo fieristico un appuntamento tradizionale.

“Numero e qualità degli espositori – conferma Claudio Pugnoli – assicurano, sin da ora, una edizione importante. Vogliamo che Cremona torni ad essere un appuntamento fisso del calendario degli appassionati. Abbiamo una location straordinaria, come CremonaFiere: un valore aggiunto significativo a questa giornata. Abbiamo puntato su una data insolita, come l’8 dicembre. Crediamo che la rassegna possa essere sprone per una visita fuori porta all’insegna della passione (per i veicoli d’epoca) ma anche della scoperta della bellezza della città, vestita a festa per il Natale ormai imminente”.

“Proporremo anche una esposizione di mezzi di locomozione di tutte le epoche – conferma Pugnoli – dalle classiche più iconiche alle cosiddette Youngtimer più ricercate. Questo per rispondere appieno alle attese di ogni visitatore. fino ai pezzi unici che faranno la storia di domani, proposte in vendita dai più importanti operatori del settore. Spazieremo dai ricambi e dagli accessori, fino ai modellini, alla manualistica e alla automobilia, senza dimenticare pubblicazioni e editoria specializzata”. “La “mostra scambio”, ancor più di ogni raduno, si presta alla contaminazione tra passato, presente e futuro nel segno di una comune passione per la cultura dell’automobilismo e del motociclismo (oltre che per le biciclette), per il bello, per l’esclusivo e per le emozioni forti che questi veicoli riescono, ancora oggi, a suscitare”.

La rassegna apre alle 8.30 della mattina. Proprio per favorire la partecipazione del pubblico, gli organizzatori hanno scelto un biglietto di ingresso dal costo particolarmente ridotto.

© Riproduzione riservata
Commenti