Sport
Commenta

Cremonese, settore giovanile
in festa allo stadio Zini

fotoservizio Francesco Sessa

Ha preso il via alle 15.00 di sabato 17 dicembre, come da programma, la Festa del settore giovanile della Cremonese che quest’anno ha come sede il rinnovato stadio Zini, casa della prima squadra. Gli oltre 300 ragazzi e ragazze del vivaio hanno dato vita al “Torneo di Natale”, sfidandosi sul prato dell’impianto di via Persico in sfide 5 contro 5. In contemporanea, dalle ore 15.30, sono iniziate le visite guidate dedicate ai ragazzi delle Under 15, 16, 17 e Primavera alla scoperta dei nuovi ambienti dello stadio.

“Lo stadio – ha detto il dg grigiorosso Paolo Armenia – diventa un simbolo della Cremonese che da questa estate è diventato un gioiellino. Siccome questi ragazzi lo potevano vedere solo dalle tribune abbiamo colto l’occasione”. Una location da sogno, come spiega anche il Responsabile del Settore Giovanile Giovanni Bonavita: “Volevamo fare una cosa diversa, regalare l’emozione di vivere l’esperienza dello stadio così ringiovanito. E’ un’emozione per noi adulti, a maggior ragione per questi ragazzi che ambiscono ad un songo che è quello di fare il calciatore”

Un percorso non semplice, ma che la Cremonese vuole seguire passo dopo passo, come sottolinea ancora il dg: “E’ chiaro che è un percorso lungo, delicato, però sicocme abbiamo la fortuna di avere una proprietà che ci mette a disposizone strutture invidiabili per ogni società di Serie A dobbiamo essere bravi, ma anche calmi, tranquilli e pazienti e lavorare perché qualcuno di loro possa essere pronto per far parte della prima squadra della società”

Uno di loro è Cristian Acella approdato in prima squadra dopo le giovanili in grigiorosso: “In qualche ragazzino mi ci rivedo, è bello essere qui a festeggiare e a farci gli auguri a vicende di buone feste: speriamo in un anno buono”. Proprio Acella, insieme ai compagni Cyriel Dessers e Luka Lochoshvili, ha consegnato il regalo di Natale della società ai propri tesserati prima del consueto scambio degli auguri.

© Riproduzione riservata
Commenti