Cultura
Commenta

Concerto dell’Epifania: il 6/01
l’I.M.F. in Cattedrale

Torna domani, 6 gennaio, alle ore 16:00, il consueto “Concerto dell’Epifania”, eseguito dalla I.M.F. (International Music Friendship) Ochestraccademy, nella Cattedrale del Duomo di Cremona. L’ensemble, nata nel 1993 da un piccolo gruppo di insegnanti di musica con i loro allievi, ha dato vita, nel tempo, a un’esperienza che si è allargata sempre di più in termini di partecipazione e di iniziative promosse in tutta Europa.

L’occasione di domani sarà ancora più speciale, perché è dedicata al centenario della nascita di don Luigi Giussani, sacerdote e educatore, fondatore di Comunione e Liberazione che ha segnato la vita di migliaia di persone. L’iniziativa è promossa dal Centro culturale S. Omobono, in collaborazione con la Diocesi di Cremona e patrocinata dall’amministrazione comunale.

“Fin dai suoi primi anni di insegnamento – dicono gli organizzatori – Giussani era solito girare per i corridoi del liceo Berchet di Milano, con un grosso grammofono. Spesso le sue lezioni cominciavano con la musica di Beethoven, Schubert, Chopin o con arie d’opera o musica popolare. Perché? Perché “nessuna espressione dei sentimenti umani – diceva – è più grande della musica”, ricordando che era cresciuto “in una casa povera di pane ma ricca di musica”. La musica, l’arte, la poesia, ogni espressione del bello è sempre stata per don Giussani il riflesso della vera bellezza che lui ha trovato in Cristo. Per questo, pur senza essere un “addetto ai lavori” ha saputo ascoltare e proporre la musica come pochi altri”.

La IMF Orchestraccademy eseguirà il “Concerto per violino e orchestra in Re maggiore, op.61, di L.V. Beethoven; “La Moldava” di Smetanta; “In Memoriam”, di Lorenzo Geroldi. Quest’ultimo è cremonese classe 1997, avvicinatosi alla musica con la Mauro Moruzzi Junior Band, poi diplomato presso il liceo musicale Stradivari di Cremona e ora al conservatorio Monteverdi di Bolzano. Incontra l’esperienza dell’IMF a 14 anni. Da alcuni anni approfondisce la passione per la composizione (recentemente premiato al concorso Internazionale di Composizione Euregio Klassika 2022 ) e alcuni suoi lavori sono stati eseguiti in prestigiosi contesti. “Il brano ‘In Memoriam’ – spiega Geroldi – è nato dal desiderio di “mettere in musica” il bene ricevuto da don Luigi Giussani e da alcuni grandi amici dell’IMF che ora ci guardano dal cielo”

© Riproduzione riservata
Commenti