Cultura
Commenta

L'altra anima del violino, tre straordinari
concerti in arrivo in auditorium

Kavakos - Pace (phMarco Borggrevve)

Tre concerti che, attraverso l’espressività degli archi, regalano emozioni e sorprese: dal 18 febbraio al 1° aprile torna all’Auditorium Giovanni Arvedi L’altra anima del violino.

La quinta edizione della rassegna cade proprio nell’anno in cui il Museo del Violino celebra il decennale della sua fondazione; inevitabile quindi, per il direttore artistico Roberto Codazzi, andare a ripescare nel “baule dei ricordi” dei primi due lustri di attività musicale dell’Auditorium e portare nuovamente alla ribalta due artisti fra i più amati dal pubblico, quali Leonidas Kavakos, acclamata star mondiale del violino, e Anastasiya Petryshak, giovane stella del firmamento violinistico che quando nel 2013 si era esibita all’Auditorium Giovanni Arvedi era “solo” una promessa dell’archetto ancora fresca di studi.

L’altra anima del violino si apre però sabato 18 febbraio (ore 21) non con un ritorno, ma con la prima assoluta di uno spettacolo di parole e musica che testimonia l’originalità di linguaggi espressivi della rassegna cremonese. Gli archi del Solis String Quartet, il pianoforte di Ramin Bahrami e la voce narrante di Stefano Valanzuolo sono protagonisti de Il Golfo Magico, un progetto ispirato al primo viaggio in Italia intrapreso, fra il 1769 e il 1770, dal giovane Mozart, il quale fece tappa anche a Cremona. Lo spettacolo racconta, in un intreccio di parole e musica, non solo i fatti che segnarono la vorticosa avventura napoletana di Mozart, ma l’immagine di una città in pieno fermento e del suo rapporto complicato, vitale, malinconico, con il compositore, tracciando in maniera leggera e divertita un ritratto d’epoca. Scritta e narrata da Stefano Valanzuolo, la storia si intreccia con musiche di Mozart e pagine di altri autori riferibili alla storia e all’immagine culturale di Napoli.

L’appuntamento di giovedì 9 marzo (ore 21) segna il ritorno di Leonidas Kavakos che, insieme al suo violino Antonio Stradivari “Willemotte” 1734 e al “suo” pianista Enrico Pace, propone un concerto assolutamente anticonvenzionale nei contenuti, in linea dunque con la filosofia di una rassegna che nasce per far emergere il profilo meno conosciuto degli strumenti ad arco. Il programma, infatti, è monumentale e originale al tempo stesso: si parte con il respiro ancora settecentesco e mozartiano della prima Sonata per violino di Beethoven, per proseguire in un ardito accostamento con la Sonata n. 2 di Bartok, opera scandita da quella vitalità ritmica e vivacità armonica tipiche del compositore. Innovativa la Sonata n. 2 di Ravel, con quel secondo movimento blues che richiama i suoni jazzistici provenienti da oltreoceano, mentre la Sonata di Franck riporta alle grandi melodie tardo romantiche.

Leonidas Kavakos Photo: Marco Borggreve

 

 Chiude la rassegna, sabato 1° aprile (ore 21), la meritata consacrazione di Anastasiya Petryshak e di Lorenzo Meo; la brava violinista ucraina, che vanta collaborazioni eccellenti con artisti del calibro di Andrea Bocelli, e il pianista e compositore, impegnato nella divulgazione della musica contemporanea, hanno impaginato un programma di autentiche “chicche”. Si comincia infatti con l’affascinante Sonata n. 3 di Debussy per passare ai virtuosismi di Introduzione e Rondò Capriccioso di Saint-Saëns e concludere infine con John Corigliano, compositore newyorchese di origini italiane che nel 2000 si è aggiudicato l’Oscar per la colonna sonora del film Il violino rosso (girato in parte a Cremona). Di Corigliano, Petryshak e Meo propongono la meno nota ma non meno interessante Sonata per violino e pianoforte, risalente al 1963 e premiata al Festival di Spoleto.

 

 

L’altra anima del violino è promossa da Museo del Violino e Unomedia, con il sostegno di Fondazione Arvedi Buschini, MDV friends, Air Liquide e FHP Venezia Multiservice.

sabato 18 febbraio 2023
Auditorium Giovanni Arvedi, ore 21

Il Golfo Magico
prima assoluta

Solis String Quartet
Vincenzo Di Donna e Luigi De Maio (violino), Gerardo Morrone (viola), Antonio Di Francia (violoncello)
Ramin Bahrami pianoforte
Stefano Valanzuolo voce narrante e testo

musiche di Mozart, Cimarosa, Scarlatti, Martucci, Prokofiev, Saint-Saëns, Piazzolla

giovedì 9 marzo 2023
Auditorium Giovanni Arvedi, ore 21

Leonidas Kavakos violino
Enrico Pace pianoforte

Ludwig van Beethoven, Sonata per violino e pianoforte op. 12 n. 1
Béla Bartok, Sonata per violino e pianoforte n. 2
Maurice Ravel, Sonata n. 2 in sol maggiore per violino e pianoforte
César Frank, Sonata in la maggiore per violino e pianoforte

Leonidas Kavakos suona il violino Antonio Stradivari “Willemotte” 1734

sabato 1° aprile 2023
Auditorium Giovanni Arvedi, ore 21

Anastasiya Petryshak violino
Lorenzo Meo pianoforte

Claude Debussy, Sonata n. 3 per violino e pianoforte
Camille Saint-Saëns, Introduzione e Rondò Capriccioso
John Corigliano, Sonata per violino e pianoforte

Anastasiya Petryshak suona il violino Roberto Regazzi 2012

Informazioni e vendita biglietti

Biglietti in vendita presso la biglietteria del Museo del Violino e online sul sito www.vivaticket.it.

Prezzi
25 euro settori A/B/C/D/E/H/I – 20 euro i settori G/F – promozione studenti 12 euro per i settori G/F

Biglietteria
Museo del Violino, Cremona, tel. 0372/080809
Da mercoledì a venerdì: 11.00 – 17.00; sabato e domenica: 10.00 – 18.00

© Riproduzione riservata
Commenti