Cronaca
Commenta

"La produzione di energia in ambito
agricolo": appuntamento a S. Monica

Il Centro di Innovazione Agro Zootecnico Alimentare ha in programma una fitta agenda di appuntamenti dedicati al settore e, naturalmente, agli iscritti del Centro.

Mercoledì 1 Febbraio alle ore 17:00, presso l’Aula Magna del Campus Santa Monica, sta organizzando un evento dal titolo “La produzione di Energia in ambito agricolo (prima parte): biogas e biometano”, il primo di due incontri che tratteranno il tema il tema della produzione di energia, biogas e biometano in questa sessione e fotovoltaico e agri voltaico, nella sessione di Aprile.

Per iscrizioni rivolgersi direttamente a innovazione@reindustria.com.

La Fabbrica della Bioenergia porterà la sua esperienza di come produrre energia con digestione anaerobica in ambito agricolo, di come ottimizzare tale digestione anche con la codigestione (dei fanghi ad esempio), i modelli di controllo e le prospettive di upgrade biologico anaerobico mediante la conversione della CO2 con idrogeno a metano.

L’Università Cattolica del Sacro Cuore invece affronterà il problema della ‘filiera’ della sostanza organica che entra negli impianti biogas e di quella che esce e viene utilizzata sui campi e di quali sono gli elementi che devono essere considerati lungo questa ‘filiera’ (esempio fanghi, fertilizzanti e reflui).

L’iniziativa si rivolge agli operatori del settore agro-zootecnico alimentare ed è suddiviso in una prima parte aperta al pubblico seguita da un talk tecnico riservato agli aderenti del Centro di Innovazione Agro-Zootecnico Alimentare.

Il Centro Innovazione si muove quindi con l’obiettivo di essere punto di riferimento nazionale e internazionale per la creazione di modelli di sviluppo di una filiera sostenibile, per la formazione delle competenze e l’innovazione delle tecnologie indispensabili ad accompagnare l’evoluzione del sistema verso le nuove sfide di transizione ecologica ed economica, mantenendo i legami con la tradizione riconosciuta del nostro sistema agro zootecnico alimentare.

© Riproduzione riservata
Commenti