Commenta

Pallanuoto Bissolati, minacce in società Querela rimessa

ventura-pallanuoto-processo

Nella foto, da sinistra l’avvocato Roberto Guareschi, Marcello Ventura e Marco Baldineti

Querela rimessa tra Marco Baldineti, 52 anni, ex allenatore della pallanuoto Bissolati di Cremona, e Marcello Ventura, 47 anni, che aveva querelato Baldineti per minacce nei suoi confronti. “E’ stata fatta un’equa transazione davanti al giudice di pace”, ha fatto sapere Ventura, che all’epoca dei fatti era presidente della squadra. L’episodio risale alla sera del 2 gennaio del 2008. In sede di denuncia Ventura aveva raccontato ai carabinieri di aver ricevuto una chiamata di Baldineti sul suo cellulare mentre si trovava in casa. “Ti spacco la faccia, nano di m…”, “ti metto una bomba nel c…”, “vengo in quelle quattro mura di m…e ti do due sberloni”, “ti faccio saltare in aria te ed il tuo amico porta sfiga”. Queste le parole che, a detta di Ventura, sarebbero state pronunciate da Baldineti per motivi legati alla cessazione del suo contratto con la squadra. Quel pomeriggio alle 18 Ventura aveva tenuto una riunione con i giocatori della squadra di serie A1 “per analizzare i problemi economici e di continuità del campionato”. “Nel corso della riunione”, aveva spiegato, “è stato affrontato anche il discorso del contratto rescisso con l’ex allenatore”. Quella stessa sera era arrivata la telefonata di Baldineti con le minacce “effettuate”, secondo Ventura, “per evitare che io dicessi ancora qualcosa sulla vicenda  della rescissione”. “La telefonata è stata ascoltata solo da me”, aveva continuato Ventura, “in quanto mi trovavo già nella mia abitazione”. Lo stesso giudice Luciano De Vita aveva caldeggiato un accordo tra i due. Vicenda chiusa. Nel procedimento, Baldineti era difeso dagli avvocati Davide Zoppi, Paolo Carletti e Paolo Lavagnino, mentre Ventura era assistito dall’avvocato Roberto Guareschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti