7 Commenti

L'OPINIONE – Dove ci porterà l'asse Renzi-Berlusconi?

renzi

La “piena sintonia” sulle riforme siglata al Nazareno tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi  apre una fase nuova nella (malata) Politica italiana. Dove ci porterà? L’incontro storico del 18 gennaio  in ogni caso fissa alcune certezze che non vanno sottovalutate.

Berlusconi è risorto – Lo ha detto a denti stretti pure Scalfari dall’Annunziata,lo ha certificato Polito sul Corrierone  (“rieccolo, il Cavaliere è tornato protagonista”), lo conferma il panico che sconquassa i bersaniani,lo ammette Grillo, lo confessa Angelino temendo di finire rottamato se non torna all’ovile. A fine novembre Berlusconi era stato cacciato dal Senato;ora è il Senato che rischia la chiusura. Dall’America al Giappone i commenti – ricordate? –  erano unanimi: “E’ finita un’era”.  Non è così.  Berlusconi,decaduto, aveva detto: “Andiamo avanti”, trasformando così  il suo giorno più duro in una promessa di riscossa. Che è avvenuta nel giro di due mesi. Renzi, ricevendolo nella sede del Pd,  lo ha riconosciuto come primo e legittimo interlocutore. I due restano rivali ma insieme possono riscrivere la Storia. Sarà così?

La Terza Repubblica – Le fondamenta sono state gettate  al Nazareno. Tre sono i pilastri: la riforma del Senato (diventerà una Camera delle autonomie, senza più senatori eletti (i nuovi rappresentanti, ovvero gli amministratori locali,   non beccheranno un euro).Secondo pilastro: la riforma del titolo V della Costituzione maldestramente ritoccato nel 2001 con strascico di centinaia di ricorsi tra Stato e Regioni; il che significa stop ai rimborsi,taglio alle indennità dei consiglieri, fine delle mutande verdi. Terzo punto dell’accordo:la riforma elettorale. E qui viene il bello.  Ci sono linee guida per eliminare il “potere di ricatto dei partitini” ma anche un codazzo di veleni. E manovre di salvataggio per le care poltrone. Faccio un esempio:  Mauro Mauro, ministro della Difesa e senatore ex Scelta Civica,  vuole  riportare a galla la Balena bianca. Insomma morire democristiani da sventura è diventato un auspicio. E’ vero: l’Italia democristiana era molto bacchettona ma con la Dc al governo il Belpaese ha avuto il divorzio e le donne che abortivano non sono state più criminalizzate. Quell’Italia ha permesso molto:”dissenso,opposizione,cultura libera” (Pierluigi Battista). Randolfo Pacciardi quando nel ’48 gli chiedevano se non si sentisse prigioniero del clericalismo, rispondeva serafico: “Meglio una messa al giorno che una messa al muro”.

Renzi con l’elmetto – E’ dal giorno del trionfo alle Primarie  che Matteo ,leader fuori dalla tradizione  (non è mai stato comunista ma neppure democristiano) indossa l’elmetto senza visiera,come un minatore od un operaio edile. Volendo rivoluzionare l’Italia si è fatto nemici dappertutto:nel partito, nelle istituzioni,nelle corporazioni. Perfino fette della Chiesa gli sono contro.Il ragazzo è sveglio,tosto,sa asfaltare gli avversari,ha idee innovative, buca il video,ha coraggio.In soli tre anni,dalla prima riunione alla stazione Leopolda (ottobre 2010) al voto dell’8 dicembre scorso, ha spazzato via D’Alema,Bersani, e quel che restava della tradizione originata dalla radice del Pci.Le tensioni che lievitano nel Pd stanno accerchiando pure il Governo. Il fedelissimo Graziano Delrio lo ha avvisato: “Con la protesta in piazza non c’è più tempo.Dobbiamo muoverci in fretta”. Ma il vecchio apparato è duro a mollare la cadrega,il Paese reclama meno tasse e più lavoro. Su Renzi potrebbe piovere di tutto. La domanda più gettonata è la solita:ora che ha cambiato il Pd cambierà anche l’Italia?

Enrico Pirondini


 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Photos

    Che il PD-L sia il lacchè del PdL (ora F.I.) lo si era sempre saputo, che dal 2013 sia pure uscito allo scoperto il loro matrimonio smettendo di fingere di combattersi aveva solo reso palese il già saputo.
    Che ad entrambi gli schieramenti stia bene si capisce in quanto è l’unico sistema per mantenersi le poltrone, ciò non toglie che così facendo portano l’Italia nelle condizioni della Grecia ed a quel punto non basterà più neppure il M5S ad evitare lo sfascio di tutta la nazione.
    Chi sarà ancora qui potrà vederne gli effetti ma se non ha fatto niente per impedire questo rapporto incestuoso sarà colpevole come chi lo ha procurato e non basteranno i mea culpa per salvarsi, dovevate pensarci prima!!! L’unica speranza che ci rimane è castrare sul nascere questo con il voto contrario a queste formazioni che fanno solo il male della gente!!!
    M5S unico baluardo contro la rovina!!!

    • Ismaele

      La legge che stanno partorendo è immonda e peggio del porcellum…, per il resto, il tuo commento, si merita questa risposta:
      PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!

  • bungatore

    Che i detrattori di Renzi siano i “vecchi tromboni” che per anni hanno vissuto di “rimessa”, senza mai avere idee chiare e realistiche è di per sé esplicativo.

    QUESTI SIGNORI forse HANNO TRATTO SOLO VANTAGGI poltroniferi e inciucianti , e mi sembra evidente, o forse NO !!! ???.

    Quelli che hanno convissuto e governato con il “redivivo” NON hanno titolo per dare lezioni di politica a nessuno.

    Perché non si domandano se loro stessi non siano la causa e l’origine del successo ormai datato del “redivivo”…….?????????!!!!
    Renzi farà quello che potrà e con i voti che gli verranno dati…anche dai tromboni.

  • AGGIORNAMENTO – Cuperlo si è dimesso.Lascia la presidenza del Pd. Con la prima scusa che ha trovato. Ha scritto infatti a Renzi di essere stato “colpito e allarmato” dalla sua concezione edel Pd. E poi: “Ancora ieri hai risposto a delle obiezioni politiche e di merito con un attacco di tipo personale”. Permaloso. (e.p.)

    • bungatore

      Permaloso e trombone…..sotto la bacchetta della direttore/TROMBONE CHE PER ANNI ha tollerato e forse permesso l’evoluzione/involuzione della politica italiana nell’ultimo XXennio.

      Hanno vissuto tutti bene e NON capiscono ancora che era ora di tagliare con un passato pieno di ideologismi e……..ismi….. stereotipati e privi di senso pratico e politico.

  • sandra

    Come dice la democratica Pezzopane , Renzi: sterminali tutti !

    • bungatore

      ciao sandra

      lei è un pò tutti noi……………….!!!