Commenta

Medaglia d'oro Città di Cremona alla Stauffer Cerimonia il 20 maggio

STAUFFER-EVID

Martedì 20 maggio, al Teatro Ponchielli, poco prima del concerto, in programma alle ore 21, che aprirà la rassegna “Omaggio a Cremona 2014”, il sindaco Oreste Perri consegnerà  la Medaglia d’Oro Città di Cremona al presidente della Fondazione Walter Stauffer, attualmente il notaio Paolo Salvelli.  Verrà in questo modo ufficializzata la decisione presa dal Consiglio comunale il 17 marzo scorso di conferire a questa importante istituzione il massimo  riconoscimento civico in occasione del 40° anniversario della morte del suo fondatore. Il 28 febbraio scorso, in occasione del 40° anniversario della morte del suo fondatore, il sindaco Oreste Perri ha candidato la Fondazione “Walter Stauffer” per l’attribuzione del riconoscimento civico “Medaglia d’oro Città di Cremona”. In tale lettera, corredata da un ampio curriculum dell’istituzione dal quale si evincono le molteplici attività svolte dalla stessa, vengono ampiamente esposte le motivazioni in base alle quali è stata proposta la candidatura. Con parere unanime, il 6 marzo scorso, la Giunta ha accolto tale proposta, sottoposta, come da regolamento, all’approvazione del Consiglio Comunale che, il 17 marzo successivo,  ha espresso parere favorevole con la seguente motivazione:  “quale riconoscimento al contributo per la formazione dei migliori interpreti del concertismo mondiale, garantendo così la trasmissione di quei saperi che perpetuano la grande scuola solistica e cameristica italiana, del suo sostegno alle attività culturali e musicali della nostra città e del suo generoso e dinamico mecenatismo verso le istituzioni locali, pubbliche e private, attuando concretamente la volontà di Walter Stauffer uomo dotato di profondo intuito e sensibilità, che molto si è speso per Cremona e a favore dei giovani talenti”.

LA STORIA. Appartenente a una famiglia svizzera emigrata in Italia, Ernst Walter Stauffer nacque a Sesto Cremonese il 7 gennaio 1887. Pur essendo molto legato alla sua Berna, dove poi morì il 26 febbraio 1974, amò appassionatamente Cremona, la sua città di adozione, dove viveva quasi tutto l’anno e dove, per l’intera vita, svolse la sua attività industriale e commerciale nel settore caseario. Con il suo intuito e la sua accortezza ingrandì enormemente l’attività paterna facendole acquistare un notevole prestigio sui mercati nazionali ed internazionali e riuscendo ad accumulare un ingente patrimonio. Nel 1969 donò al Comune di Cremona la somma di 100 milioni di lire, con il vincolo che l’importo fosse utilizzato per l’acquisto del cinquecentesco Palazzo Raimondi, destinato secondo le sue disposizioni, a Sede della Scuola Internazionale di Liuteria e della Scuola di Paleografia e Filologia Musicale (ora Facoltà di Musicologia). Successivamente il 19 ottobre 1970 costituì la Fondazione Stauffer, chiamandola “Centro di Musicologia Walter Stauffer”, con lo scopo di favorire l’insegnamento della liuteria classica, degli strumenti ad arco, della storia della musica e della musicologia in genere e ne fu il primo Presidente.

Con testamento del 19 febbraio 1972 nominò la Fondazione erede universale. Lo Statuto del Centro di Musicologia Walter Stauffer prevede un Consiglio di Amministrazione composto di tre persone di nomina del fondatore, il Console Generale di Svizzera a Milano o un suo rappresentante, il Sindaco di Cremona, il Presidente della Provincia di Cremona e un Direttore Generale del Ministero della Pubblica Istruzione. Le cariche, all’interno della Fondazione, sono assolutamente gratuite. Primo Presidente della Fondazione, dopo la morte del Fondatore, fu nominato il notaio Giuseppe Gambaro, che con grande abnegazione e competenza professionale aveva assistito Stauffer nel suo ampio disegno di grande respiro culturale. Attuale Presidente è il notaio cremonese Paolo Salvelli, Vicepresidente è Raffaele Nuovo, primo Presidente aggiunto onorario della Corte di Cassazione.

Il patrimonio lasciato da Walter Stauffer è amministrato con criteri di rigorosa economicità. Dalla morte del fondatore, nonostante le tempeste inflazionistiche e finanziarie che l’Italia ha attraversato, il patrimonio non solo non ha subito falcidie, ma ha addirittura potuto incrementare la propria consistenza. Con il reddito conseguito, detratte le imposte italiane ed estere e le spese per la conservazione e l’amministrazione del patrimonio, vengono finanziate: varie attività culturali, assegnazione di borse e sussidi di studio ad allievi dell’Istituto di Istruzione Superiore “A. Stradivari”- Scuola di Liuteria e del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali; attività volte all’educazione musicale degli allievi della Scuola di Liuteria e del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali; acquisto di attrezzature, strumenti didattici, libri, dischi.

Nel 1985 viene costituita l’Accademia Walter Stauffer che si occupa di corsi di alto perfezionamento (gratuiti per gli allievi) per la formazione di esecutori di musica da camera e solistica per strumenti ad arco (docenti: Salvatore Accardo – violino, Bruno Giuranna – viola, Rocco Filippini – violoncello, Franco Petracchi – contrabbasso) e dal 2011 anche Corsi di perfezionamento per la formazione di quartetti d’archi (docenti: Quartetto di Cremona composto da Cristiano Glauco – violino, Paolo Andreoli – violino, Simone Gramaglia – viola, Giovanni Scaglione – violoncello). Molti gli allievi che si sono avvicendati fino al 2013: 214 per il violino; 197 per la viola; 224 per il violoncello; 195 per il contrabbasso; 12 gruppi per il corso di quartetto. L’anno accademico 2013-2014 ha avuto tra i suoi iscritti: 20 per il violino, 15 per la viola, 25 per il violoncello, 17 per il contrabbasso e 8 gruppi per il corso di quartetto.

La Fondazione, con altri Enti pubblici, ha partecipato alla costituzione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi”. Insieme ad Enti pubblici e privati ha costituito la Fondazione Teatro Ponchielli e la Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari – Cremona. La Fondazione inoltre ha avuto un ruolo fondamentale per l’incremento del patrimonio liutario della città di Cremona con l’ acquistato di quattro prestigiosi strumenti, già ospitati a Palazzo Comunale, ed ora al Museo del Violino:  “Lo Stauffer”   violino di Guarneri del Gesù del 1734 (dal 1980) – “La Stauffer” viola di Gerolamo Amati del 1615 ( dal 1996) – “il Ceruti”  violino di grande importanza storica del 1868 (dal 2003) – “lo Stauffer  1700 – ex Cristiani”  violoncello di Antonio Stradivari del 1700 (dal 2005).

Il Consiglio comunale ha ritenuto che tutto questo rispettasse in pieno quanto previsto dal Regolamento che istituisce il riconoscimento civico “Medaglia d’oro Città di Cremona”, approvato nel febbraio 2004, che all’articolo 1 dice testualmente: “Il Comune di Cremona, interprete dei desideri e dei sentimenti della cittadinanza, individua tra i suoi compiti quello di additare al pubblico encomio coloro che si sono distinti – in maniera straordinaria – nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’industria, del lavoro, della scuola, dello sport o con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico a favore della comunità cremonese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti