Commenta

Stupenda esecuzione della 'Misa Criolla' a Sant'Agata

Un concerto magico in una chiesa che è uno scrigno d’arte, un misto di inni religiosi e di sentimenti universali come la creazione, la libertà e la dignità di ogni essere umano al di là del suo colore e della sua posizione sociale.  Questo è stato domenica sera  il “Concerto di San Francesco” offerto dalla Fondazione Città di Cremona e dall’Associazione Costanzo Porta nella chiesa di Sant’Agata. Una esecuzione commovente,  trascinante e caposaldo ormai della cultura sudamericana quella “Misa Criolla” argentina abbinata alla “Navidad Nuestra”  (sempre di Ariel Ramirez ed ispirata alla storia di due suore tedesche che si prodigarono per i prigionieri di un campo di concentramento nazista), entrambi diventati  ormai capolavori della musica religiosa contemporanea. La chiesa di Sant’Agata era gremita, tanti i giovani, ad ascoltare questa opera musicale e lirica per solisti, coro ed orchestra scritta da maestro Ariel Ramirez ed interpretata magistralmente dal coro Costanzo Porta diretto da Antonio Greco (ormai lanciato nel panorama musicale internazionale) e dai solisti Elisa Ridolfi, Maximiliano Banos e Leo Moreno con lo straordinario gruppo argentino “Del Barrio”, strumentisti raffinati e coinvolgenti.  Senza dubbio si è trattato di una delle esecuzioni di più alto rilievo artistico della “Misa Criolla” mai sentite a Cremona. La “Misa Criolla” è stata riconosciuta da Paolo VI come opera di significato universale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti