Ultim'ora
13 Commenti

'Inquisitori spagnoli' al sit-in delle Sentinelle in piedi, in tre in Questura

In tre, vestiti da inquisitori spagnoli come nei celebri sketch dei comici inglesi del collettivo Monty Python, sono finiti in Questura domenica pomeriggio per una protesta organizzata al fine di controbattere al sit-in contro le unioni civili delle “Sentinelle in piedi”.

Attorno alle 17 il trio ha inscenato la protesta, silenziosa e pacifica, presentandosi in piazza Duomo proprio mentre gli esponenti delle “Sentinelle in piedi” stazionavano “a difesa della famiglia tradizionale”. Vestiti in stile inquisizione spagnola i tre hanno messo in atto quella che, si apprende, hanno definito un’iniziativa a base di ironia realizzata per rispondere alle “Sentinelle”. Tutti e tre, identificati, sono poi stati lasciati liberi di tornare a casa.

Fra i tre c’è il bergamasco Giampietro Belotti, salito alla ribalta un anno fa per essere sceso in piazza a Bergamo durante un altro sit-in delle “Sentinelle in piedi” vestito da nazista dell’Illinois (citazione dal film The Blues Brothers). Domenica, a Cremona, Belotti è andato in piazza assieme a esponenti del locale collettivo satirico “Soccuadro” di Arcicomics.

AGGIORNAMENTO – Dalla Questura spiegano con una comunicazione ufficiale che i tre sono arrivati in piazza e si sono mischiati alle “Sentinelle in piedi”, per poi togliersi i cappotti e mostrare provocatoriamente i vestiti da inquisitori spagnoli. Poliziotti, aggiungono sempre da via dei Tribunali, sono intervenuti subito e hanno accompagnato i tre negli uffici per l’identificazione, senza tensioni. Altre due persone, un uomo e una donna, sono state identificate direttamente in piazza Duomo in occasione della stessa manifestazione delle “Sentinelle in piedi”: stavano per esporre cartelloni con riferimenti all’inquisizione spagnola che, su invito, hanno consegnato al personale della polizia.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti