Un commento

La bonifica di una bomba
della II Guerra Mondiale:
il lavoro dei Guastatori di Cremona

Gli artificieri del Genio Guastatori di Cremona, su richiesta della Prefettura di Brescia, hanno neutralizzato la bomba d’aereo del peso di 250 lbs. IL VIDEO

Gli artificieri dell’Esercito (del Genio Guastatori di Cremona), su richiesta della Prefettura di Brescia, hanno neutralizzato la bomba d’aereo del peso di 250 lbs di fabbricazione inglese, L.C. MK II, a presunto caricamento speciale del secondo conflitto mondiale, trovata lo scorso 9 giugno in seguito a lavori di ampliamento della linea ferroviaria presso lo scalo ferroviario in via Vergnano 40 nel comune di Brescia.

Dopo aver ricevuto dalla sala operativa la conferma che l’area di 800 metri di raggio intorno all’ordigno era stata evacuata, l’attività di bonifica è iniziata alle 09.35. Il personale del Centro Tecnico Logistico Interforze di Civitavecchia, competente per la bonifica di ordigni a caricamento speciale, dopo aver creato un accesso sull’ordigno per verificarne il contenuto, ha constatato l’assenza di liquidi incendiari, consentendo agli artificieri del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona di intervenire. Questi, neutralizzata la spoletta e aperto l’involucro dell’ordigno, hanno appurato la presenza di artifizi illuminanti e li hanno resi inoffensivi.
La fine delle attività è stata dichiarata alle ore 13.45 dopo i successivi controlli di rito. Lo spazio aereo, il traffico ferroviario, le strade urbane e i circa 1300 residenti della zona, hanno potuto riprendere le normali attività.

Il 10° Reggimento Genio guastatori di Cremona è una delle 12 unità dell’Esercito preposta alla bonifica dei residuati bellici sull’intero territorio nazionale. In particolare, dal 2014 ad oggi gli interventi del Reggimento sono stati 195, per una bonifica complessiva pari a 5496 ordigni di cui 618 bombe d’aereo. La Forza Armata complessivamente negli ultimi 10 anni ha bonificato oltre 30.000 ordigni. La Forza Armata, grazie alla capacità ‘dual-use’ dei propri reparti, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado di intervenire nei casi di pubbliche calamità e, in collaborazione con le Forze di Polizia, per garantire la sicurezza della popolazione, dimostrandosi una risorsa pronta e flessibile al servizio del Paese.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Maura Micheli

    Sono una cittadina bresciana residente nella zone evacuata domenica a causa della bomba. Volevo complimentarmi con Voi per il prezioso lavoro svolto. È rassicurante poter contare su persone competenti e preparate.