Commenta

Ospedale: il direttore generale
Simona Mariani si congeda
da Cremona dopo 5 anni

“Al mio successore”, ha detto la Mariani, che lascia in seguito ai cambiamenti previsti dalla riforma della sanità regionale, “auguro di trovare la forza e il sostegno per portare avanti un'azienda impegnativa come questa”.
Foto Sessa

“Difficile non commuoversi dopo essere stata a Cremona 5 anni. 5 anni di duro lavoro e impegno notevole, ma ho avuto una squadra sempre presente e infaticabile che ha realizzato grandi cambiamenti negli ultimi anni. Vederli tutti qui e sapere che dal 1 gennaio non li vedrò mi ha fatto davvero commuovere”. Lo ha detto oggi pomeriggio Simona Mariani, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Cremona, nel corso della convention di fine anno che si è tenuta nell’aula magna del Maggiore. “Al mio successore”, ha aggiunto la Mariani, che lascia in seguito ai cambiamenti previsti dalla riforma della sanità regionale, “auguro di trovare la forza e il sostegno per portare avanti un’azienda impegnativa come questa”.
Per la convention “Sanità, quale futuro?”, organizzata come ogni anno dalla direzione strategica, l’aula magna era gremita. Ottima opportunità per fare un bilancio delle attività svolte dalle strutture ospedaliere di Cremona e Oglio Po e per ringraziare tutti per il lavoro svolto.
Molti i medici, gli amministrativi e il personale sanitario che hanno seguito gli interventi del direttore generale Simona Mariani, del direttore sanitario Camillo Rossi e del direttore amministrativo Ida Beretta.
“L’imminente l’applicazione della riforma sanitaria ci invita ad una riflessione profonda sul cambiamento che ci accingiamo ad affrontare”, questo l’esordio di Simona Mariani che ha posto l’accento sull’importanza della coesione e del lavoro di squadra, indispensabili per la costituzione delle nuove Asst e Ast. Come ha precisato Ida Beretta, cambiamento che presenterà di certo qualche difficoltà, soprattutto nella parte burocratica e amministrativa.
Camillo Rossi ha voluto ricordare la crescita in questi anni dell’azienda e degli ospedali nel loro complesso, “una crescita costruita sulle collaborazione trasversali, la condivisione di una vision univoca, l’implementazione di alte tecnologie e saperi che hanno migliorato, a tutti i livelli, la cura dei malati”.
La Convention è stata inoltre occasione per premiare i vincitori del concorso creativo “Igiene delle mani” – giunto alla seconda edizione – finalizzato a sensibilizzare gli operatori in materia di prevenzione delle infezioni ospedaliere. Per la categoria slogan vince Roberta Dall’Olmo (ufficio Formazione), per la fotografia vincono Elena Nevi, Maria Teresa Lodi Rizzini e Rossella Fanin (Medicina di Oglio Po), per la categoria video primo premio a “Le buone abitudini si imparano da piccoli” di Cristina Santi e Alessia Zoncada (Malattie infettive), menzione speciale per il video dei bambini della Neuropsichiatria infantile di Cremona.
Molto apprezzato il cortometraggio “5 di questi anni”, realizzato dall’ufficio Comunicazione (montaggio Matteo Sessa – Nuvola tv); un racconto appassionato delle iniziative più significative del quinquennio.
In chiusura Simona Mariani in segno di riconoscimento ha rivolto un saluto speciale agli 87 operatori che nel 2015 sono andati in pensione e un pensiero commosso alle famiglie di chi quest’anno ci ha lasciato prematuramente (Angela Amigoni, Annamaria Caleffi, Francesco Filippazzo e Lucio Olivetti).

mariani-d

mariani-d2

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti