2 Commenti

Pulizia delle strade, Manfredini:
'Prezzo ridotto del 18%'. Cala
anche il costo della differenziata

I costi per la pulizia delle strade sono stati ridotti del 18% in un anno. A dirlo è stata l’assessore Alessia Manfredini, rispondendo ad un’interrogazione del consigliere comunale Giorgio Everet (Forza Italia). “Nel piano economico finanziario i costi fissi per spezzamento, lavaggio strade e pulizia in aree pubblica è passato da 366.522 euro a 297.550 con una differenza di 68.972 euro pari al 18.82%” ha detto l’assessore. “Questo efficientamento dei costi fa parte dell’intensa attività svolta i mesi precedenti per la redazione del piano, che ha visto il lavoro di squadra di più assessori per cercare di trovare economie e efficienze nel servizio”. Insomma, un taglio che ha portato ad un risparmio notevole, anche se ha voluto sottolineare l’assessore, “non c’è stata nessuna riduzione del servizio di pulizia, ma solo riduzione dei costi”.

Non è tutto. Per la prima volta negli ultimi anni il valore complessivo del Piano economico finanziario della raccolta differenziata è diminuito. E’ sempre l’assessore Manfredini a specificarlo, in risposta ad una interrogazione di Everet. “I costi complessivi del servizio da un totale di 10.558.456 euro del 2014 sono passati a 9.995.034 euro nel 2015”. Ma non solo è diminuito il costo complessivo della Tari: “C’è stato, in 5 mesi, da luglio ad oggi, l’estensione del Porta a porta su tutta la città” spiega l’assessore. “Questo progetto era atteso da anni,  e in un solo anno si è riusciti a recuperare il tempo perduto, e a raggiungere, grazie alla straordinaria risposta dei cittadini cremonesi,  percentuali di raccolta differenziata fino a poco tempo fa immaginabili. Per quanto riguarda la Tari è opportuno ricordare che è una tassa che deve coprire il 100% del servizio”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • un fascio di luce

    la Tari è “dimunuita” solo per alcune fasce di popolazione! tutti però abbiamo pagato oltre alla Tari la Tasi!! sdoppiato il nome, ma la somma è aumentata nel 2014 e pure nel 2015!! e che abbia il coraggio di dirci anche che ci chiederà un saldo del 2015 nel 2016 (come già fatto per il 2014 saldato nel 2015!!).
    oltre a questo i cittadini:
    1- hanno subito la differenziata (che è un costo per noi non per l’assessore),
    2- hanno subito un taglio eo diminuzione dei passaggi di pulizia delle strade,
    3- raccolta foglie inesistente e sospesa quella nelle case proprio nel periodo delle potature (per non rivangare la famosa nevicata…),
    4- hanno subito un incremento del costo della raccolta per il medesimo servizio se abitano nei condomini superiori a 6 eo se
    5- imparato nuove modalità di esposizione e raccolta dei rifiuti….

    io amo Cremona e sono favorevole certamente alla differenziata e ad impegnarmi per farla, ma che non mi si venga a raccontare che ho speso meno, che il servizio è migliorato (basta vedere nelle ore notturne e di primo mattino come sono le nostre vie, tappezzate di rifiuti) e, soprattutto, che l’aria è migliorata perchè l’inceneritore brucia meno rifiuti…. o io devo pagare di più, fare la differenziata e quelli che han promesso di spegnerlo invece stanno incassando più soldi perchè bruciano i rifiuti delle altre città ed io ne respiro i residui?? si può sapere quanti rifiuti in meno sono stati bruciati in questi 6 mesi di differenziata (dato che l’assessore asserisce che la percentuale di raccolta differenziata è migliorata)?? e l’Arpa… non ha nulla da dire in merito? ma per cosa li paghiamo? per fare i controlli e non pubblicare i risultati? beh, che vadano tutti a casa, così risparmiamo pure quelli di soldi, perchè se il servizio invece di essere pubblico è “al servizio degli amministratori”… allora non ne vedo l’utilità di altri “signorsì”… ci pensa già galimba a cantarcela la messa!
    perchè non parlare poi del costo delle consulenze esterne per le
    campagne pubblicitarie per la differenziata e le loro continue correzioni e conseguenti ristampe… con tutti i
    rimandi e sospensioni e ripristini ecc che ci sono stati nel 2015! ci volevan proprio le consulenze delle società esterne oltre all’ufficio stampa e marketing interno…
    e infine, che la smetta di dire che in un anno ha recuperato il tempo perso dagli altri: che scriva piuttosto di quanti punti è migliorata la raccolta differenziata e, quando gli elettori vedranno che tutto questo “gran parlare di cambiamenti” ha portato ad un incremento di circa 5 punti percentuali su quello che già si faceva prima (che scriva anche di quanti punti invece era cresciuta con Perri)… senza tanto sbandierare risultati impegno, forse faranno due riflessioni su “fare nuova la città” o “continuiamo a parlare di far nuova la città” e nel frattempo piazziamo tutti gli amici alle cariche strategiche, vendiamo le società municipalizzate, facciamo lavorare le società di consulenza esterne penalizzando le professionalità dei dipendenti ecc..

  • Sorcio Verde

    “Non c’è stata nessuna riduzione del servizio di pulizia, ma solo riduzione dei costi”….beh non spetta all’assessore dirlo, ma ai cittadini, che forse non sono proprio della stessa idea.