Un commento

Maristella, boom di furti:
i residenti esasperati
si preparano per le ronde

Il Maristella sotto scacco dei ladri: una situazione che i residenti non reggono più. Al punto che, dopo l’ennesimo episodio di lunedì sera, quando rientrando in casa un giovane si è trovato faccia a faccia con il ladro, mettendolo in fuga, ora il quartiere si sta organizzando con una sorveglianza ‘self.made’. Si è infatti iniziato a parlare di ronde sui social, e in particolare nell’ambito del neonato gruppo Facebook del quartiere. A proporre l’iniziativa è un membro del comitato di quartiere, che in seguito alla vicenda di lunedì sera ha lanciato un appello ai residenti, ormai esasperati.

A questo proposito è stato creato un gruppo su watsapp denominato ‘Ronda Maris’, in cui i cittadini che aderiscono si possono confrontare, possono inviare segnalazioni in caso di ‘movimenti sospetti’ e possono eventualmente attivarsi per dei giri di ricognizione. “Dopo l’ennesimo tentativo di furto, ci stiamo organizzando” racconta Pietro Ricci, presidente del Gruppo anziani del quartiere. “Tra i residenti la preoccupazione è altissima. Anche perché qui la maggioranza delle abitazioni sono villette o comunque case basse, molto esposte, soprattutto nella fascia oraria tra le 17.30 e le 19, quando cala il buio e la gente non è ancora rientrata dal lavoro”.

Le riunioni per decidere il da farsi si susseguono in questi giorni. “Anche stamattina ci siamo confrontati. C’è anche l’idea di fare come a Caorso, dove hanno posato dei cartelli che avvisano del fatto che c’è una sorveglianza attiva” continua Rizzi. “Ma soprattutto ora vige l’idea di fare delle ronde e di organizzarsi tramite watsapp per segnalarsi a vicenda eventuali avvistamenti sospetti. E’ forte il desiderio di poter tenere la situazione sotto controllo. Certo, in giornata ogni tanto passano carabinieri e polizia municipale, ma le risorse sono scarse e non possono garantire una copertura totale”.

Ma in tema di sicurezza, il quartiere chiede anche un intervento al Comune, come ad esempio l’installazione di fari nel parco tra via del Maris e via Volontari del Sangue, attualmente immerso nella più completa oscurità non appena cala il sole.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • giorgino carnevali

    “DO IT YOUR SELF”.

    Ma veramente si dovrà arrivare ad un punto tale per cui gioco forza sarà l’irrinunciabile pronunciamento: “Fai da te?”. Ma non possiamo aspettare il giorno in cui affermazioni come questa attendono di essere capite! La vita non può ricominciare sempre uguale: paura, insicurezza, diffidenza…esasperazione! Chi ha vissuto sulla propria pelle un’esperienza così traumatica…ha ragione da vendere. Per la miseria!