Commenta

Ennesima 'botta'
per Lgh: decade
il Cda di Cogeme

Non c’è pace per Lgh: dopo le numerose polemiche in merito alla fusione, quando si era quasi in dirittura d’arrivo (manca una settimana all’approvazione dell’accordo), ecco una nuova mazzata. Il cda di Cogeme – membro della holding – è infatti decaduto a causa delle dimissioni di tre membri. Si tratta degli stessi consiglieri (Giulio Centemero, Simona Troncana e Maurizio Giannotti) che due mesi fa avevano messo in minoranza il presidente Giuseppe Mondini. Questo non mette in discussione la fusione, ma le operazioni rischiano di essere rallentate.

Le lettere di dimissioni sono arrivate proprio alla vigilia della seduta del Cda, che era convocata per mercoledì pomeriggio per parlare della stesura del protocollo che doveva tradurre in pratica l’accordo con A2A.

Intanto, l’agenzia di rating internazionale Fitch Ratings ha comunicato la conferma del rating a lungo termine (Long-term IDR) di Linea Group Holding a “BBB-“ con outlook stabile. “Il giudizio di Fitch rappresenta la conferma della solidità di Lgh” evidenzia l’amministratore delegato di Lgh, Franco Mazzini. “In particolare, l’agenzia riconosce la stabilità delle attività di business del nostro Gruppo e l’aspettativa di ulteriore miglioramento a medio termine della posizione finanziaria”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti