5 Commenti

Nuovi autovelox, Toninelli:
'Province e Comuni
li usano per fare cassa'

Stop agli autovelox utilizzati per fare cassa. A dirlo è il deputato del M5S Danilo Toninelli, che si scaglia contro la tendenza sempre più frequente di “fare cassa” con le multe. “Le Province che secondo la narrazione renziana sarebbero state abolite con legge, hanno escogitato una nuova forma di tassazione indiretta, quella degli autovelox” evidenzia. “Un mese fa ne è apparso uno sulla Paullese, ad aprile toccherà alla Quinzanese, con un dispositivo posizionato all’altezza dello svincolo per Belvedere. L’ultima volta, in un eccesso di sincerità, il presidente della Provincia Vezzini aveva affermato esplicitamente che quando in quel punto sarà realizzata la rotatoria l’autovelox non servirà più e che i soldi delle multe saranno destinati a quello scopo. Questa volta il sindaco Garoli di Casalbuttano invece precisa: questione di sicurezza, non di soldi”.

Toninelli ritiene grave l’affermazione del primo cittadino: “Se è vero che l’area è pericolosa per via degli incidenti che vi sono stati (quali sarebbero i dati ufficiali su cui si fonda questa affermazione?), il traffico andrebbe regolamentato attraverso strumenti che realmente impediscano gli eccessi di velocità, come dissuasori, rotatorie o sistemi analoghi. È infatti grave che la politica parli di un problema di sicurezza e decida di risolverlo a colpi di fotografie. Ma la verità è un’altra, è sempre la stessa: gli introiti delle multe saranno ripartiti per il 50% alla Provincia e il restante 50% diviso tra i Comuni di Casalbuttano e Corte de’Cortesi”.

Secondo il deputato pentastellato, “nelle unioni di comuni così come nelle province la politica si è talmente astratta dai cittadini da non sentire più di dovergli rispondere direttamente. E così si realizza il vero piano riformatore di Renzi, che non ha realmente abolito nulla nelle Province eccetto le elezioni: così il controllo da parte dei cittadini è eliminato e le tasse aumentano”.

lb

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • U6o

    Vezzini fu il primo ad installarlo nel comune di sesto… Per cui…

  • erisso

    La scoperta dell’acqua calda.

  • Sorcio Verde

    Bella scoperta!

  • me

    scusate ma viene spontanea una domanda….ma come dovrebbero fare secondo voi a sostenersi gli enti locali alla luce di tutti i tagli che lo stato ha imposto (molte tasse abolite o ridefinite erano introiti per i comuni e le province)…alla luce della spending review….alla luce dei patti di stabilità….?
    perchè io non trovo (a livello di costi e ricavi) così strano che gli autovelox spuntino come funghi…è il metodo più semplice per fare cassa (anche se sbagliato, beninteso, visto che cmq è sempre il cittadino a farne le spese)

  • ilMutanda

    Ma non basta andare piano? Vengono segnalati con largo anticipo….. se facciamo esempio della svizzera dove gli autovelox ci sono e non sono neanche indicati ! Ricordo che nella città di Zurigo sse passi con il rosso dopo 2 secondi che si è acceso rischi il penale con accusa di “tentato omicidio”
    Perciò basta andare piano…so che rompe ma è l’unica maniera e poi parlando del velox sulla castelleonese (messo da Vezzini) c’è il limite dei 90 e mi sembra abbastanza.