Commenta

Inceneritore, pronto lo
studio Lgh: si ipotizza
funzionamento fino al 2024

E’ finalmente giunto all’amministrazione il tanto atteso studio di Lgh, quello che ancora mancava per prendere una decisione definitiva sull’inceneritore di Cremona. Il documento, consegnato da Lgh al Comune di Cremona, rappresenta uno studio su igiene urbana, gestione dei rifiuti e prospettive impiantistiche. Il documento, come i precedenti, è stato prontamente inviato a tutti i consiglieri comunali. Un plico di sedici pagine, che segue quelli realizzati da Leap nel luglio 2015 e sul decommissioning di Regione Lombardia del gennaio 2016 ed è il risultato del lavoro di un gruppo composto da manager aziendali in rappresentanza delle diverse attività di raccolta e di trattamento dei rifiuti e dalla dirigente del Settore Ambiente del Comune, Mara Pesaro, esperta della normativa ambientale.

Anche in questo caso la conclusione a cui si giunge è la stessa degli altri studi: il funzionamento del termovalorizzatore fino al 2014, con studi per la ricerca di una alternativa. Il documento analizza nel dettaglio il contesto di riferimento, i principali trend in corso, e le strategie strategiche di sviluppo. Viene esplicitata l’importanza di avviare studi sulle modalità alternative di smaltimento e valorizzazione del rifiuto, oggi trattato nei termovalorizzatori del Gruppo attraverso forme di recupero di materia ed energia.

“L’autorizzazione dell’impianto di termovalorizzazione di Cremona è in scadenza al 2024 – si legge nel documento – L’evoluzione normativa nazionale e regionale, l’evoluzione della produzione dei rifiuti e della filiera ambientale, determina una necessità di valutare anche una diversa gestione dello smaltimento dei rifiuti urbani. In particolare su Cremona va valutata per tempo l’azione di soluzioni economicamente e finanziariamente sostenibili per l’individuazione di fonti termiche alternative al termovalizzatore che garantiscano l’alimentazione termica del teleriscaldamento della città a prezzi di mercato (in primis cogenerazione, affiancato da altre fonti anche rinnovabili)”.

Intanto prosegue il percorso dell’Amministrazione comunale sul tema dei rifiuti. Il Comune di Cremona con Aem e Lgh stanno lavorando al piano industriale Lgh-A2A, nell’ottica dell’economia circolare, con il supporto di due esperti del settore: Enzo Favoino della Scuola di Agraria del Parco di Monza, che ha un ruolo importante nell’innovazione dei sistemi di gestione dei rifiuti in Italia, e Marco Sunseri, docente dell’Università degli Studi di Ferrara e fondatore di LabeLab, il laboratorio per la gestione dei rifiuti, dell’acqua, dell’energia che opera dal 2001 nel settore dei servizi pubblici locali.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti