Commenta

Diffamazione via social,
risarcimento e remissione
della querela: primo caso

Mentre sono sempre più frequenti le denunce presentate per episodi di ingiuria o diffamazione sui social network, primo caso nel cremonese di remissione di querela in cambio di un risarcimento proprio per una denuncia di questo tipo. Insulti e frasi pesanti sono all’ordine del giorno ormai sui social e aumenta il numero di persone che si rivolgono alle forze dell’ordine per presentare denuncia.

Tra i vari casi degli ultimi mesi una querela presentata alla polizia postale e legata a episodi maturati in un ambito lavorativo. Un cittadino cremonese aveva sporto denuncia per contenuti diffamatori presenti in una “chiacchierata social” pubblica su Facebook tra una sua ex collaboratrice e alcune amiche di quest’ultima. Ora è arrivato l’accordo, il primo di questo genere per una denuncia legata a screzi sui social network: in cambio di un risarcimento economico, quantificato in 400 euro, il cittadino che aveva presentato denuncia si è impegnato a ritirare la querela. Ovviamente se l’incasso dell’assegno andrà a buon fine e previa rimozione del post incriminato.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti