Ultim'ora
Commenta

Alla ricercatrice cremonese
Benedetta Bodini il Premio
Rita Levi Montalcini 2017

Nella foto: Benedetta Bodini riceve il Premio Rita Levi Montalcini 2017 da Mario Alberto Battaglia, Presidente FISM

E’ cremonese l’ultima vincitrice del Premio Rita Levi Montalcini 2017: si tratta della neurologa e ricercatrice Benedetta Bodini, 39 anni, che oggi ha ricevuto il prestigioso riconoscimento nell’ambito del congresso annuale FISM. Benedetta, che vive a Parigi, è la figlia di Angelo Bodini e di Anna Puerari (figlia del professor Puerari, ex direttore del museo di Cremona). Benedetta ha quattro fratelli, Paolo, medico ed ex sindaco di Cremona, Giuseppe, avvocato, Amedeo ingegnere aereospaziale in Germania e Milina insegnante a Milano.

Un premio ambitissimo, quello che porta il nome della Montalcini. Un riconoscimento assegnato per la prima volta nel 1999 a Gianvito Martino, allora giovane ricercatore impegnato in modo pionieristico nell’impiego delle cellule staminali nella sclerosi multipla. Anche la scelta di Benedetta Bodini ha voluto premiare la visione e l’azione innovativa di chi lavora per arrivare a capire e curare la sclerosi multipla seguendo strade sinora sconosciute e adesso premiate dai risultati.

“Sono molto fiera di essere stata scelta come nuovo Premio Rita Levi Montalcini”, ha detto Bendetta Bodini, “è arrivato come un prezioso regalo di compleanno, e rappresenta per me un riconoscimento prestigioso, la conferma importante di un percorso di ricerca nuovo e promettente e un autorevole stimolo a raggiungere più alti traguardi nel percorso per capire più a fondo i meccanismi fisiopatologici della sclerosi multipla ed arrivare un giorno a curarla”. Il Premio va in particolare al lavoro svolto da Benedetta Bodini negli ultimi cinque anni, ma AISM, da sempre attenta a contribuire alla crescita di una scuola di ricercatori di eccellenza nella SM, già nel 2007 aveva creduto nelle potenzialità della giovane ricercatrice, finanziandole una borsa di studio (research fellowship) destinata allo studio delle forme di SM primariamente progressiva.

© Riproduzione riservata
Commenti