Economia
Commenta

Riorganizzazione Banco Pop. Molinari al timone dell'area Cremona-Crema-Mantova sud

Nuovo assetto commerciale per Banco Bpm, l’istituto nato dalla fusione tra Banco Popolare Verona (in cui era confluita nel 2011 la Popolare di Cremona) e Banca Popolare di Milano. Dal 1 gennaio le ex-aree Cremona e Crema sono state unificate in un’unica struttura territoriale denominata per esteso Area Cremona – Crema – Mantova Sud (comprende infatti anche alcune filiali nella zona sud della provincia di Mantova), denominazione che mantiene l’indicazione esplicita di tutti i territori di riferimento.

Al timone di quest’Area Territoriale, che ha sede a Cremona, è stato nominato Mauro Molinari, già responsabile dell’ex-area Banca Popolare di Cremona. La nuova Area, come le precedenti da cui trae origine, è inserita nella Direzione Territoriale Lodi, Pavia Liguria alla cui guida è stato confermato Fabrizio Marchetti (responsabile commerciale: Fabrizio Enrico Zambetti).

Più in generale, il nuovo modello si basa sul rafforzamento del presidio del territorio: 8 Direzioni territoriali copriranno le zone di radicamento del gruppo, con il ruolo di coordinamento e supporto commerciale di circa 45 Aree retail da ognuna delle quali dipenderanno circa 50 filiali.

Nel modello è confermato, pur con alcune differenze rispetto al passato, lo schema hub&spoke (cioè con alcune agenzie complete che fungono da capofila e altre cosiddette “leggere”). Nel dettaglio, le agenzie saranno suddivise in quattro tipologie: hub, spoke, indipendenti e indipendenti coordinate. Le filiali hub propongono un’offerta completa e gestiscono direttamente tutte le tipologie di clientela, coordinano le filiali spoke e le indipendenti coordinate e dipendono da un’Area. Anche le indipendenti, che non hanno spoke, riporteranno direttamente all’Area. Le Spoke gestiscono direttamente la sola clientela Privati. Anche le filiali indipendenti coordinate riporteranno a un Hub.

Il nuovo modello prevede anche la riorganizzazione del Corporate che si suddividerà in Corporate e Large Corporate – con un forte presidio delle principali aree prodotto relative ai comparti Origination, Finanza strutturata, Estero e Trade Finance e si articolerà in 5 Mercati e 18 Centri Corporate.

La segmentazione della clientela retail risponde al seguente schema: Privati (patrimonio fino a 100 mila euro), Personal (patrimonio da 100 mila a 1 milione di euro), Business (imprese con fatturato fino a 5 mln ) e Imprese (fatturato fra i 5 e i 75 milioni). Il Corporate raggrupperà le società con fatturato da 75 milioni a 1 miliardo e il Large corporate quelle con fatturato oltre 1 miliardo.

© Riproduzione riservata
Commenti