Commenta

Aci, torna d'attualità
il trasferimento da via
XX settembre a via Massarotti

Torna d’attualità il progetto di trasferimento dell’Aci da via XX Settembre a via Massarotti. Quattro anni dopo l’asta andata deserta per la vendita della sede storica, il consiglio di amministrazione appare intenzionato a dare attuazione al vecchio progetto, già presentato a suo tempo all’amministrazione comunale e da allora rimasto inattuato. Tempi non maturi e soprattutto la mancata vendita della sede, erano stati alla base dell’accantonamento del progetto. Ora le cose sembrano cambiate, nell’ottica di una ristrutturazione degli spazi di via Massarotti. Dunque tutti i servizi ora gestiti dall’Aci in centro storico, dalle tasse automobilistiche alla tenuta del Pubblico registro automobilistico, saranno trasferiti da una sede in pieno storico ad una più periferica, ma sicuramente più facilmente accessibile alle auto. L’immobile di via Massarotti è ormai da tempo in gran parte vuoto: ha ospitato negli anni un’autofficina e un’agenzia della Sara assicurazione, ora esiste solo l’autolavaggio e il distributore Tamoil.

L’edificio di via XX settembre 19 era stato messo all’asta a fine 2013 dall’Aci Progei, la società immobiliare di Aci nazionale, al prezzo base di 3,6 milioni di euro: non fu presentata nessuna offerta. Attualmente figura tra gli immobili da affittare, in quanto solo una piccola parte dell’edificio è utilizzato dagli uffici. Un edificio prestigioso, che figurava già nella pianta del Campi nel 1583 e a metà dell’800 divenuto di proprietà della Banca d’Italia. Nel 1909, per motivi legati all’attività bancaria, fu oggetto di modifiche, con la costruzione di nuove ali e la realizzazione di una sala centrale per il pubblico, sovrastata da un lucernario. Oltre al piano terra utilizzato dall’Aci, vi sono altri due piani da ristrutturare ad uso uffici e anche un appartamento, oltre ad un seminterrato di 410 mq.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti