9 Commenti

Pusher 21enne
in manette: riforniva
di coca la 'Cremona bene'

Ennesimo colpo allo spaccio della città di Cremona. I Carabinieri della Compagnia di Cremona, agli ordini del maggiore Rocco Papaleo, dopo gli arresti dei giorni scorsi di ingenti quantitativi di droga, hanno intercettato una importante partita di cocaina destinata molto probabilmente a clienti frequentatori dei locali della città.

Gli arresti sono scattati nella serata tra martedì 27 e mercoledì 28, al termine di una serie di servizi di osservazione e pedinamento, a carico di B.A., 21ennenato in Albania ma domiciliato a Cremona, di professione cameriere. L’accusa nei suoi confronti è quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari lo hanno infatti sorpreso in via Giordano mentre cedeva la droga a una barista 25enne cremonese: 3 involucri di cellophane termo saldati contenenti cocaina, per un peso complessivo di 2.5 grammi, previo corrispettivo di 120 euro. I militari hanno interrotto la compravendita sequestrando la droga. Successivamente si sono recati presso l’abitazione del giovane per una perquisizione domiciliare: qui all’interno dei cassetti della camera da letto e del salotto hanno rinvenuto 99 grammi di coca suddivisi in due involucri in cellophane e altri 2.5 grammi suddivisi in tre involucri di cellophane termo saldati, probabilmente dosi già pronte per lo spaccio. Rinvenuti inoltre 400 euro in banconote di vario taglio, ritenuti provento dello spaccio, un bilancino di precisione e altro materiale idoneo per il confezionamento, compreso lo stesso sacchetto di cellophane da cui lo spacciatore ricava i ritagli circolari con cui fare gli involucri per le dosi da destinare allo spaccio.

Quanto recuperato e sequestrato è stato sottoposto ad analisi qualitative, secondo cui si tratta di una partita di cocaina di ottima qualità con una percentuale di purezza quasi del 100%.

Nei giorni precedenti, i carabinieri avevano eseguito diversi appostamenti, appuranto così che il 25enne, B.A., cameriere presso un ristorante delle “Cinque Terre” in Liguria, quando rientrava a Cremona, sua città di domicilio, si dedicava a una florida attività di spaccio, avviata almeno dal mese di settembre 2017.

Dopo un periodo di cessioni effettuate direttamente presso alcuni bar ben frequentati di Cremona, il giovane, noto negli ambienti degli assuntori come “Aldo” o “il Bimbo” per la giovane età e i suoi tratti “gentili”, da qualche tempo, raccolta una cerchia di acquirenti fidati e al di sopra di ogni sospetto, aveva cominciato a fissare gli appuntamenti per le cessioni delle dosi richieste nei pressi della propria abitazione in via Giordano, previo accordo telefonico.

Sono in corso indagini finalizzate a svelare l’identità del giro dei clienti secondo il pusher tutti molto esigenti, tanto da richiedere cocaina sempre di ottima qualità, che lui vendeva a dosi di 0,40 grammi a 40 euro o un grammo a 100 euro. Il 21enne è stato condotto nel carcere di Cremona, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del rito per direttissima fissato per la mattinata odierna.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Illuminatus

    Un altro straniero che delinque? E’ mai possibile?

    • Germana

      Finchè ci sono clienti ITALIANI …
      .

  • Mirko

    Arresto galera e dopo in albania….e via un altro

  • franz kapp

    Certo! Per uno straniero che delinque, tanti italiai per bene cocainomani… Ma questi ultimi sono dei semplici “utilizzatori finali”!

  • Paool

    Si ricorda che chi assume stupefacenti delinque tanto quanto chi li spaccia di qualunque nazionalità sia. Ciciaroon e furbacioon che si mia alter.

  • Illuminatus

    OK, OK, questo straniero era una davvero risorsa… “commerciale”…

  • luciano1956

    Sono decenni che molti albanesi spacciano , impossibile fare qualcosa di serio? Che pena avrà questo tizio? qualche mese con la condizionale?

  • Gianluca

    Galera in Italia, perché dalle sue parti sono troppo cattivi, e tra qualche settimana fuori. Avete capito perché le risorse delinquono in Italy?

  • Graziano Ansaldi

    Cremona bene….. Io la chiamerei in un altro modo…..