Un commento

Navigazione turistica
sul Po, quattro motonavi
in graduatoria per la licenza

Approvate le graduatorie per l’assegnazione delle licenze di navigazione turistica sul fiume Po. Per incentivare l’attività, il Comune aveva bandito un’apposita gara che venerdì scorso è giunta ad una prima fase, con l’attribuzione dei punteggi.

Per i natanti con trasporto massimo di 55 persone si sono classificate due motonavi della ditta Navigazione Interna Srl, sede in via Antiche Fornaci 4, la ‘Romulus’ e la ‘Corbara’. Presidente di Navigazione interna è l’ex assessore ai lavori Pubblici del Comune Francesco Zanibelli. Per le imbarcazioni di stazza superiore, fino a 220 persone, è stata la  River Cruises srl a guadagnare le migliori posizioni in graduatoria, con le motonavi ‘Mattei’ e ‘Fratina del Fiume’. Una terza ditta è stata esclusa  – la Navi53 Srls di via della Conca – in quanto mancante dei requisiti obbligatori previsti dal regolamento comunale per i servizi di trasporto persone su acqua, non di linea.

Il bando per concorso pubblico era stato emesso l’8 febbraio e il 16 marzo si era riunita la commissione per l’esame delle offerte. Ora le ditte hanno tempo 60 giorni per presentare al Comune l’ulteriore documentazione prevista dal regolamento. Entro i 30 giorni successivi alla presentazione dei documenti, il Comune assegnerà le autorizzazioni.

“Il Comune di Cremona – avevano fatto sapere dall’amministrazione ai tempi dell’emanazione del bando – considera il turismo fluviale, nelle sue diverse articolazioni, un’importante risorsa per l’economia del nostro territorio: arricchisce l’offerta turistica naturalistica e slow da abbinare al cicloturismo, alle crociere musicali, e si inserisce nella valorizzazione dell’asta del Po attraverso il costante dialogo tra Lombardia ed Emilia Romagna. Il rilascio delle quattro autorizzazioni va nella direzione di incrementare un settore che in altri Paesi europei riveste da tempo una significativa rilevanza sotto molteplici aspetti”. La navigazione commerciale e turistica sul fiume sarà ulteriormente favorita dalle altre azioni avviate in questi ultimi anni tra le quali la stipula del Contratto di Fiume, la promozione della candidatura al MAB (Man and the Biosphere Programme) UNESCO, il ‘Manifesto per il Po’ promosso da ANCI e la ciclovia VenTo.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mirko

    Speriamo porti un po’ di introiti dovuti al turismo