Commenta

Il padre di Alessandro: 'Lo
hanno derubato'. Fiori doveva
incontrarsi con una donna?

Diventa sempre più misterioso il caso della scomparsa di Alessandro Fiori, il 33enne di Soncino sbarcato in Turchia il 12 marzo e poi svanito nel nulla. Di lui si è parlato ieri sera nella trasmissione Rai “Chi l’ha visto?”. Durante il programma è stato intervistato lo spettatore che aveva contattato la redazione sostenendo di aver viaggiato con lui sul volo della Turkish Airlines partito alle 14,35 del 12 marzo dall’aeroporto di Milano Malpensa. L’uomo ha riferito di aver parlato per tutto il viaggio con Alessandro che gli aveva detto che sarebbe rimasto ad Istanbul due giorni e che poi si sarebbe spostato. Non si sa dove. “Mi ha detto che doveva incontrare una persona, una donna con la quale poteva avere una storia sentimentale”. Il viaggiatore ha detto che Alessandro aveva due telefonini, di cui uno forse nuovo, in quanto non lo sapeva ancora usare. Di quanto poi accaduto ad Istanbul ha parlato il padre di Alessandro, Eligio Fiori, che nella capitale si è improvvisato investigatore e dove ha appeso centinaia di volantini con il volto del figlio. Una volta atterrato, secondo quanto raccontato da Fiori, Alessandro, a bordo di una macchina dell’agenzia di viaggi, ha raggiunto l’albergo, un albergo di lusso dove è rimasto una notte. Il giorno dopo si è fatto venire a prendere per tornare in aeroporto, ma era presto per il volo, e così ha chiesto all’autista di portalo in centro. Si erano dati appuntamento per rivedersi più tardi, ma Alessandro non si è mai presentato. A quel punto il 33enne, che forse si era perso, ha preso un altro taxi che lo ha accompagnato in un secondo albergo, questa volta più modesto, forse consigliato dallo stesso tassista. E’ qui in questa stanza che verranno ritrovati nel cestino del bagno uno dei suoi telefonini, il portafoglio vuoto, e il passaporto. “Qualcuno lo ha derubato”. Ad esserne convinto è papà Eligio, che non crede all’ipotesi della fuga volontaria. Eppure non risulta che Alessandro abbia sporto alcuna denuncia, né che si sia presentato al Consolato per far sapere che era rimasto senza passaporto. Alessandro è stato inquadrato dalle telecamere mentre cammina assorto e pensieroso per le strade di Istanbul. Dove era diretto? Forse a quel famoso appuntamento con la donna misteriosa? Nessuno lo sa. Il padre non si dà pace e continua nelle ricerche.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti