4 Commenti

Condannato a 10 anni
per corruzione: tolte tutte
le onorificienze a Filosa

Alfonso Filosa ai tempi del processo (foto d'archivio)

Sono state tolte tutte le onorificienze ad Alfonso Filosa, l’ex direttore della direzione provinciale del lavoro di Cremona e Piacenza e già presidente dell’ex ospizio Soldi, condannato a 10 anni e 5 mesi per corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, peculato, concussione continuata e in concorso. A Filosa erano state attribuiti nel corso della sua carriera nell’amministrazione pubblica, i titoli di cavaliere, ufficiale e commendatore dell’ordine al merito per Repubblica italiana. In seguito alla condanna divenuta esecutiva con la sentenza della Cassazione a settembre 2016, è giunta anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e con essa la decadenza dei titoli onorifici. 

Filosa, originario di Castellamare di Stabia, era stato arrestato il 24 giugno 2009 dopo essere stato filmato all’interno del proprio ufficio a Piacenza mentre riceveva un assegno bancario a titolo di “bustarella” di 1.500 euro dall’amministratore delegato di una ditta di Fiorenzuola d’Arda. Dopo la condanna in via definitiva, si era di fatto reso latitante, stabilendosi a Capo Verde. La scelta di stabilirsi sulla costa senegalese fu dettata quasi certamente dalla mancanza di accordi di estradizione con l’Italia. Ma tale situazione mutò in seguito ai nuovi accordi del gennaio 2017  tra l’Italia e lo stato di Capoverde, che hanno introdotto la reciprocità di estradizione per soggetti colpiti da sentenze definitive.  Nell’estate del 2017 Filosa è stato individuato dai carabinieri in seguito ad un prelievo bancomat di 90 euro effettuato da uno sportello dell’isola di Sal.  Ne seguì l’arresto e poi la consegna alla giustizia italiana avvenuta a luglio 2017.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Romualdo Balocci

    Questo caso dimostra,se c’era bisogno,la facilita’ con cui tali onorificenze vengono distribuite ad amici degli amici.

    • Mirko

      Concordo

  • Andrea Ferrari

    Per me questo avvenimento criminale scoperto a Piacenza e Onorato a Cremona dimostra che se è vero che a Roma esiste La Mafia Capitale a Cremona ci stagna la Capitale della Mafia

  • Graziano Ansaldi

    Con reati di questa gravità negli USA danno 30 anni, speriamo almeno che non gli diano i soliti domiciliari e tra un anno torna libero.