3 Commenti

Kavarna, si riunisce
il comitato per
l'ordine e la sicurezza

Sale la tensione al quartiere Cascinetto, dove l’ultimo week end ha segnato una nuova escalation di insofferenza da parte dei residenti per le attività del Csa Kavarna, con musica andata avanti sino alle 3 del mattino, udita anche tra i caseggiati della Villetta, distanti parecchie centinaia di metri. Per il pomeriggio di martedi 12 giugno è prevista una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza (Cosp) presieduto dal prefetto e nel quale ancora una volta forze dell’ordine e amministratori locali dovranno ragionare su come far convivere libertà di aggregazione e rispetto delle regole, soprattutto quelle vòlte a tutelare la quiete pubblica. L’amministrazione Galimberti è infatti chiamata a dare risposte ai cittadini (mercoledì si incontrerà con il direttivo del quartiere Cascinetto) e al tempo stesso è condizionata dalle valutazioni della questura circa i rischi derivanti da un’ordinanza di sfratto e quindi dalla sua esecuzione. Attualmente il Kavarna sta continuando a pagare l’affitto pur essendo scaduto il contratto. E sabato prossimo 16 giugno la Lega Nord organizza un gazebo in piazza Roma, dalle 9,30 alle 12,30, per incontrare i cittadini a proposito del centro sociale: ci saranno i parlamentari eletti in provincia di Cremona, in primis Simone Bossi e Silvana Comaroli.

Preoccupazioni che sono emerse nella riunione del Comitato Liberazione e Costituzione che si è svolta lunedì pomeriggio in Comune, coordinata dall’assessore Rosita Viola (Vivibilità sociale). Il Comitato era sorto per volontà delle associazioni partigiane cremonesi in seguito alla soppressione del Coordinamento per la difesa e lo sviluppo della democrazia che esisteva in seno alla Provincia e poi disciolto durante il mandato Salini.  All’ordine del giorno ieri c’era la discussione sulla proposta delle associazioni di  richiedere una autodichiarazione di antifascismo ai soggetti che fanno domanda al Comune di utilizzo di uno spazio pubblico. Ma i fatti degli ultimi giorni al Cascinetto, che esasperano una situazione che si trascina da anni, hanno avuto il sopravvento.

g.b.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Giuseppe Ciro’

    Dum Cosp cosulitur, Cascinetto expugnatur.
    Troppo tardi cari Signori, troppo tardi per tutti, per gli attuali amministratori che si accorgono del problema solo al termine del proprio mandato ed in vista della prossima campagna elettorale, troppo tardi anche per la Lega che nella passata Amministrazione aveva due Assessori uno dei quali proprio ai rapporti con i cittadini, le periferie ed i quartieri.
    Se volevano fare qualcosa avrebbero potuto farlo oppure se politicamente avevano le mani legate rompevano la Giunta e difendevano i cittadini (i gazebo si fa al Cascinetto no in Piazza Roma !!!!!!!!), troppo tardi per la Questura e la Prefettura muti ed inermi nonostante le innumerevoli telefonate di protesta ricevute, eppure ultimamente il Questore per motivi di ordine pubblico ha chiuso numerosi bar dove a suo dire le frequentazione sembravano essere molto più pericolose che “quattro” ragazzotti sostanzialmente incivili che frequentano il Kavarna e sinceramente non credo possano rappresentare alcuna delle posizioni politiche democraticamente elette. Troppo tardi, purtroppo troppo tardi per non finire come prevedo in una rissa verbale ed uno saricabarile tra diverse forze politiche succedutasi alla guida del Comune che tenteranno ognuna di strumentalizzare la vicenda che andava trattata e chiusa molto prima per evidenti e semplici motivi di disturbo della quiete pubblica di un quartiere che non si può dire insensibile alla socializzazione dei problemi viste le ripetute feste politiche tenute nella stessa area durante ogni estate e da parte di ogni soggetto politico ma che ovviamente rimanevano in un alveo sia di decibel che di orari sopportabile.

  • Mario Rossi ₷ᶌ

    Questi invece di far sloggiare gli inquilini abusivi dei centri sociali si preoccupano di far firmare un inutile autodichiarazione di antifascismo.
    Amministrazione fuori dal mondo reale che non capisce i problemi dei cittadini.
    TUTTI A CASA!!!!!!!!!

  • bvzpao

    Se propongono anche quella di dichiarazione di anticomunismo, quasi quasi sono d’accordo. Diversamente è una minaccia alla libertà di pensiero. ma quel comitato non si potrebbe occupare di far rispettare la Costituzione al kavarna?