12 Commenti

Presentata la 21esima
Festa del Torrone: guest
star lo chef Carrara

E’ stata presentata questa mattina, martedì 18 settembre, presso la sala della Consulta di Palazzo del Comune la 21esima edizione della Festa del Torrone, l’undicesima targata ‘Sgp Eventi’. Una festa che formalmente durerà 9 giorni (dal 17 al 25 novembre), ma che in realtà, secondo il sindaco Gianluca Galimberti “dura tutto l’anno” come “dimostrano le imprese che sono presenti oggi (Rivoltini, Sperlari e Vergani che sono anche main sponsor dell’evento, nda) e che lavorano indefessamente tutto l’anno”. La Festa del Torrone, per Galimberti, è in crescita grazie alla “bravura degli organizzatori e delle imprese”, ma anche “di un territorio coeso e in movimento”, oltre ad essere accompagnato da eventi come la Festa del Salame e quella della Mostarda.

La chiave del successo sta in “un lavoro di promozione turistica e culturale che esalta i nostri prodotti tipici come il torrone e i nostri imprenditori della produzione e della ristorazione”. Un turismo che passa da “proposte culturali ben programmate e sempre nuove”, dalla “ricerca e dalle università con progetti ormai attivi che uniscono imprese e università e laboratori, da Cremona Food Lab, all’osservatorio Agrifood fino al nuovo campus universitario nel complesso di Santa Monica” e da una città,, Cremona, “in movimento, bellissima e vivace che sta davvero raccontando molto in Italia e nel mondo e che desidera continuare a lavorare per crescere e svilupparsi”.

Se il protagonista assoluto, naturalmente, sarà il torrone, un prodotto “destagionalizzato tanto che i turisti lo cercano tutto l’anno”, come sottolinea l’assessore al Commercio e Turismo Barbara Manfredini, a corredo ci sono altre 270 eventi. Si parte ovviamente dai riconoscimenti alla sceneggiatrice Cristiana Mainardi e al regista Marco Tullio Giordana (leggi qui: Al regista Marco Tullio Giordana il premio ‘Torrone d’oro’) e alla guest star della manifestazione. Domenica 18, infatti, sarà a Cremona lo chef pasticcere Damiano Carrara, volto di Bake Off Italia. Alle 14.00, ad Dellearti Design Hotel, lo chef creerà e presenterà il Dolce pensato in esclusiva per la Festa del Torrone, mentre a 15.30 in Sala Quadri nel Palazzo del Comune gli verrà consegnato il premio ‘Ambasciatore del Gusto’. Premio che riceverà un’ora più tardi sul palco della manifestazione dove saluterà i presenti e attenderà l’arrivo del Corteo Storico del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, che celebra la nascita del dolce del Torrone.

Una rievocazione che avrà luogo nella “fascinosa cornice di Piazza del Comune”, a seguito della sfilata per le vie del centro storico della città tra “le acrobazie degli sbandieratori, musicisti e le splendide figure delle dame e dei cavalieri”. Verranno esposte le costruzioni gigante in torrone Sperlari, delle precedenti edizioni e presentata quella dell’edizione 2018 che raffigurerà Mina. La cantante, sottolineano gli organizzatori, sarà “la regina assoluta di questa edizione della Festa del Torrone” e, nonostante “la sua, sarà una presenza solo evocata”, sarà “egualmente
pregnante perché Mina è orgoglio e simbolo di Cremona e la sua arte ha portato nel mondo il nome della città che le ha dato i natali”. Sono inoltre previsti, oltre alla scultura in torrone, concerti, vetrine che riporteranno titoli e brani e un’opera realizzata sul momento in piazza del Comune da uno street artista. Grande attesa, infine, per lo spettacolo finale, quest’anno parlare di Moby Dick e del capitano Achab: uno spettacolo che, come sottolinea Stefano Pellicciardi di ‘Sgp Eventi’, “è adatto ad essere rappresentato in grandi spazi e permetterà di esaltare le bellezze della piazza”.

mt

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Betty

    Non discuto che Mina ha portato il nome della nostra città in tutto il mondo e nemmeno che sia stata una grande artista però che sia la regina assoluta della festa del torrone quando non si fa nemmeno vedere e sentire, mi sembra alquanto esagerato!

    • Blizzard

      Pienamente d’accordo a Mina di Cremona interessa poco o niente. Mina è cremonese per caso e non ha niente di niente che la leghi a questa città.

      • Mattia

        Come la Ferragni?

        • Blizzard

          Cosa c’entra; qualcuno l’ha nominata in questo contesto?

          • Mattia

            Che è cremonese per caso e non ha niente di niente che la leghi a questa città ormai…
            Ma già dimenticavo di parlare con il proff

          • Blizzard

            Non mi permetterei mai e poi mai di mettere in discussione una grande artista quale è stata ed è tuttora Mina. Quello che comunque mi sfugge è quella cremonesità che si appiccicarle a tutti i costi. Qualcuno mi faccia un esempio o mi racconti un aneddoto o qualcosa di simile che leghi Mina a Cremona da metterla in ogni evento che si svolge a Cremona.
            Per quanto il titolo di professore. (si abbrevia con una “f” sola).

          • Orto

            Prof (per deformazione professionale continuo a darti del tu), forse questa cremonesita’ non c’è. Forse la città non è legata a Mina, ma non sappiamo quanto Mina sia legata alla città. Ad esempio, io ho sempre Napoli nel cuore e ci sono stato per una sola settimana in tutta la vita. Accontentiamoci di questo legame reale – virtuale Mina Cremona, male non ci fa. Apprezzo la sua voce e questo mi basta. Certo che se anche noi ci impegnassimo un po’ di più.. hai visto la mostra allestita in Comune? Ti prego, fallo… Poi dimmi cosa ne pensi.

          • Orto

            PS: la mostra è gratis…. Ci mancherebbe anche di pagare per vedere un caxxx

          • Blizzard

            Raccolgo il tuo invito ed andrò a vedere la mostra in Comune. Ciao e buona notte

        • Mario Rossi SV

          Più o meno, in molte cose si assomigliano.

  • Simone

    Lo dico da sempre che Mina a Cremona manco la pensa. Sta nella sua bella Svizzerotta e chi s’è visto, s’è visto. Perché volerla per forza metterla in mezzo? Non manda nemmeno un telegramma per ringraziare del gesto…

  • Illuminatus

    Si facesse almeno vedere… penoso.