61 Commenti

Elezioni: lunedì il Popolo
della Famiglia incontra
il candidato Carlo Malvezzi

Continuano le operazioni di incontri e confronto nel centrodestra in vista delle elezioni comunali: i dirigenti del Popolo della Famiglia incontreranno lunedì sera (ore 21) il candidato a Sindaco del centrodestra a Cremona, Carlo Malvezzi.

Il direttivo, coordinato da Roberto Vitali, aveva dato il pieno appoggio ad Alessandro Zagni, ma dopo la decisione di puntare sull’ex vicesindaco di Forza Italia, lo stesso Vitali ha avviato una serie di incontri con le forze politiche e liste civiche “per trovare convergenze utili a sostenere il cambio di governo della città” evidenzia lo stesso Vitali. “Lunedì la delegazione del Popolo della Famiglia esporrà i punti salienti, anche se si può immaginare la piena convergenza sui temi etici che valorizzano la famiglia naturale come fattore fondante della società e volano dell’economia”.

Intanto si concluderà la settimana prossima la raccolta firme del Popolo della Famiglia a favore della proposta di legge per il reddito di maternità. L’obiettivo delle cinquantamila firme è stato raggiunto. 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Susi

    La famiglia è una sola uomo e donna ,tutte le altre unioni sono degenerazioni della mentalità umana

    • Elio

      Eastto e queste vanno tutelate,poise una donna vuole stare con una donna nessuno glie lo vieta

      • Susi

        Se una bicicletta ha quattro ruote non diventa un auto,due gay o due lesbiche non saranno mai una famiglia ma una semplice unione

        • Elio

          Esatto,al contrario di me ha il dono della sintesi😀

          • Andrea

            Spero vivamente che voi non abbiate figli. Entrambi. Senza offesa, ma mi fate ribrezzo.

          • Carlob

            Ecco il razzista

          • Andrea

            Sono sincero. Loro sono liberi di continuare a farmi ribrezzo. A lei fanno ribrezzo i centri sociali o le risorse, a me fanno ribrezzo i ragionamenti poco ragionati.

          • Ottavo Nano

            Secondo me lei o è fru fru o ha delle voglie represse.si faccia una bella vacanza in culandia

          • Andrea

            Nobel!

          • Carlob

            Ottavo ci ha azzeccato

          • Andrea

            Carlob puoi pensarmi gay, trans o donna. Non mi interessa nulla, non mi offendi. A parte che niente detto da te potrebbe offendermi, non considero motivo di vergogna essere considerato gay. Fai pure.

          • Elio

            Dal suo modo di esprimersi si vede dove c’è tolleranza o no. Io non l ho mai offesa e mi sembra che,anche non condividendo le sue opinioni non le ho mai mancato di rispetto lei invece….
            Complimenti per la sua tolleranza e civiltà

          • Andrea

            Nemmeno io l’ho offesa. Mi faccia capire: lei può dire che i gay sono dei depravati senza offenderli, mentre se io dico che voi mi fate ribrezzo (che non è assolutamente un’offesa ma un dato di fatto) la sto offendendo? Dove sarebbe l’offesa? Glielo dico parafrasando in base al dizionario: i vostri ragionamenti mi provocano una violenta impressione morale di repulsione e di schifo. Dove vi ho offeso? Non posso farci nulla, è quello che provo parlando con voi. Non vi impedisco di dirlo, non vi offendo come avete fatto voi coi gay dandogli dei perversi degenerati. Dico solo che le vostre idee mi fanno davvero ribrezzo. E lo dice il figlio di una coppia etero, quindi una persona sana e normale.

          • Elio

            Ho mai detto che i gay sono depravati? Legga bene. Ho detto che è meglio un figlio abbia genitori di sesso diverso per motivi di differenze di carattere tra uomo e donna. Cosi ho scritto e nulla piu. Seho scritto che i gay sono depravati chiedo venia e mi vergogno di me stesso ma qui mi citi dove ho svritto questo se no,da persona seria,almeno mi divrebbe delle scuse se no me ne faccio una ragione e mi da modo di conosere meglio le persone con cui interliquisco

          • Andrea

            L’ha scritto Susi e tu eri d’accordo, le hai messo mi piace e le hai detto “esatto”, e il sublime pensiero di Susi era che le unioni gay sono una “degenerazione ed una perversione della mente umana”. Io penso di aver già capito abbastanza bene con chi sto parlando.

          • Alberto

            Andrea, se permetti ti rispondo anche io. C’è una linea divisoria netta tra la sfera delle relazioni tra DUE persone, e la nascita (e quindi crescita) di un bambino.
            Le relazioni tra due persone consenzienti devono essere libere. Concetti di affetto, amore e perché no, anche di perversione, appartengono indistintamente al mondo etero/bi/omo sessuale. E meno male. Aborro pertanto qualsiasi forma di discriminazione o intolleraza a proposito.
            Non nego neanche che una coppia omo possa amare un bambino, ma vorrei portare il TUO punto di osservazione dalla parte del bambino. Prova.

            Ti sei chiesto cosa possa essere meglio per lui? Pensi possa esistere una risposta univoca e sicura a questa domanda? Risposta io non ce l’ho, sarebbe a dir poco presuntuoso millantare certezze in materia, per cui mi affido al concetto che il megilo per lui sia … stare con chi lo ha fatto. E tu non puoi usare questo ‘mio’ concetto, totalmente slegato da cosa fa un essere umano nella sua intimità affettivo/sessuale, per dire che io sia pro o contro gay. Perché è un altro argomento.
            A scanso di equivoci, sono ateo convinto e il mio senso senso di appartenenza a un qualsiasi partito politico è pari a quello che sento per una squadra di calcio: NULLO. E lo voglio specificare perché è da Verona e dintorni che sento e leggo centinaia di argomentazioni, sul tema famiglia, assolutamente mischiate e supportate con argomenti che, con la FAMIGLIA, non centrano una beneamata.

          • Andrea

            Alberto, io non ho risposto al tuo concetto ma ho risposto a Elio e Susi che dicevano cose completamente diverse. Posso capire il tuo concetto, ma pensare che ogni bambino stia coi genitori naturali è un’utopia da sempre, ci saranno sempre orfani o bambini meno fortunati da adottare. Quello che ti sto chiedendo è: vedi davvero i gusti sessuali del genitore come un ostacolo alla crescita del bambino? vedi i gusti sessuali del genitore come una discriminante sulle sue capacità genitoriali? io no. Perchè un gay o una lesbica dovrebbero amare meno un bambino? Andiamo, nemmeno io sono cresciuto con entrambi i genitori, quindi la storia della mamma e del papà non funziona. Io sono stato cresciuto da mia madre, ho forse qualcosa in meno di te che sei cresciuto con entrambi i genitori? non credo. Se mia mamma fosse stata lesbica, sarebbe comunque stata mia madre, non avrebbe influito sulla mia crescita. Dimmi che sei disposto a giurare che due genitori etero sono sempre meglio di due genitori gay…quanti bambini vivono in situazione di degrado con mamma e papà? Comunque, puoi essere anche stranosessuale ma se sei una brava persona e ami tuo figlio non vedo quale sia il problema.

          • Alberto

            Andrea, secondo il mio pensiero continui a mischiare le due cose.
            Il problema non sono i gusti sessuali, ma di cosa ha bisogno un bambino. Io dico figura maschile e figura femminile. Se queste non sono disponibili, trattasi di eccezione, e le eccezioni tali devono restare. Le separazioni sono frequenti sì, ma tu usi la parola utopia per quella che invece è la percentuale maggiore dei casi, attento.

            Possiamo sì dire che il bene voluto sia lo stesso, lo dico anche io, ma non puoi essere sicuro tu che che, rispetto al contesto della società attuale, tale bambino non possa avere scompensi sul piano psicologico o sociale. E su questo perdonami se insisto ma dico che non hai le basi per sostenere il contrario.
            E sostenere il contrario non vuol dire trovare UNA coppia gay che sia meglio della peggiore coppia etero, devi pensare ai grandi numeri.

            Mi esprimo con un paradosso: non credi che rispetto a una coppia drogato-prostiutua, un sigle equilibrato non sarebbe meglio per crescere il bimbo? Io dico di si, ma secondo questa logica inizierebbero una serie di adozioni, forzate o no, che porterebbero solo a delle CONTRADDIZIONI. Per questo l’unico vero arbitro può essere la Natura. E per quanto possa piacere o no, la Natura a due omosessuali il diritto di procreare non l’ha dato. A un drogato-prostituta sì. Non sto assolutamente paragonando le due coppie eh 🙂 solo uso un iperbole per farti capire quanto qualsiasi tentativo di fare le cose contro natura porti solo a contraddizioni.

          • Alberto

            Andrea, secondo il mio pensiero continui a mischiare le due cose.
            Il problema non sono i gusti sessuali, ma di cosa ha bisogno un bambino. Io dico figura maschile e figura femminile. Se queste non sono disponibili, trattasi di eccezione, e le eccezioni tali devono restare. Le separazioni sono frequenti sì, ma tu usi la parola utopia per quella che invece è la percentuale maggiore dei casi, attento.

            Possiamo sì dire che il bene voluto sia lo stesso, lo dico anche io, ma non puoi essere tu sicuro che, rispetto al contesto della società attuale, tale bambino non potrà avere scompensi sul piano psicologico o sociale. E su questo perdonami se insisto ma dico che non hai le basi per sostenere il contrario.
            E sostenere il contrario non vuol dire trovare UNA coppia gay che sia meglio della peggiore coppia etero, devi pensare ai grandi numeri.

            Mi esprimo con un paradosso: non credi che rispetto a una coppia drogato-prostiutua, una coppia gay o un single equilibrato addirittura, non sarebbe meglio per crescere il bimbo? Io dico di si, ma secondo questa logica inizierebbero una serie di adozioni, forzate o no, che porterebbero solo a delle CONTRADDIZIONI. Per questo l’unico vero arbitro può essere la Natura. E per quanto possa piacere o no, la Natura a due omosessuali il diritto di procreare non l’ha dato. A un drogato-prostituta sì.

            Non sto assolutamente paragonando le due coppie, solo uso un iperbole per farti capire quanto qualsiasi tentativo di fare le cose contro natura porti solo a contraddizioni.

          • Andrea

            Io ho detto che è un’utopia pensare che ogni bambino venga cresciuto da mamma e papà, non ho detto che la famiglia tradizionale è un’utopia, non iniziare anche tu a mettermi in bocca parole che non ho detto. Comunque, guardando i dati istat del 2015 (i primi che ho trovato), si sono sposate 190.000 persone, divorziate 80.000 e separate 90.000, quindi son pazzo se dico che adesso non è difficile non avere mamma e papà? Tra l’altro, anche TU non hai le basi per sostenere quello che dici. Hai le basi per dire che due uomini o due donne non possono procreare, ma non per dire che non possono essere bravi genitori. E fino a che dici “non possono procreare quindi non possono essere bravi genitori” mi spiace ma non sono d’accordo. Che basi hai per dirlo? hai degli esempi? Lasciando perdere le baggianate che trovi su internet dove manco citano i nomi. Tu mi stai dicendo una tua idea come io ti dico la mia, non hai la verità in tasca. Viaggiamo entrambi su supposizioni, tu supponi che mamma e papà siano meglio di principio, io no.

          • Alberto

            Credo di aver capito il tuo punto di vista, scusa se ho frainteso la parte sull’utopia. Resta che se tante coppie si separano, vale lo stesso per tutti gli orientamenti sessuali.

            Volevo aggiungere, ma mi hai anticipato, che io in merito non ho certezze. Anzi, questa stessa discussione mi fa riflettere, pur rimanendo ‘tifoso’ della mia idea, ovvero che, dal punto di vista del diritto di un bambino, al giorno d’oggi non lo affiderei ad una coppia non etero.
            Forse invece hai proprio ragione tu…. ma in quel caso direi che, a oggi, non siamo ancora pronti a livello culturale.

          • Andrea

            Grazie Alberto per questa risposta, non è da tutti. Buona giornata!

    • Orto

      Degenerazione della mente umana? Ma si rende conto di quello che dice? Manco stessimo parlando di Hitler. Lei pensa di essere una donna perfetta, una figlia perfetta, una madre perfetta, una moglie perfetta? Chi è senza peccato….. (Vangelo di oggi)

      • Susi

        Oltre a degenerazioni sono anche perversioni della mente umana

        • Orto

          Ma brava, vada avanti. Manca solo che mi tiri fuori il demonio. Poi ha detto tutto

          • Susi

            Il demonio risiede nelle menti malate come la sua che vuol andare contro natura

          • Andrea

            con due messaggi sei riuscita ad andare contro ad ogni insegnamento di Gesù, e lo dico da ateo. Se c’è un inferno tu ci sei vicina più di un gay.

          • Susi

            Infatti Gesù faceva le ammucchiate con gli apostoli?

          • Andrea

            No, ma predicava amore verso il prossimo, tolleranza, e non repulsione per chi ha orientamenti sessuali diversi dai tuoi. Dimmi quando nella bibbia Gesù critica i gay o ti da il diritto di dire che i gay sono contro natura, dio o chi ne hai voglia. Questo è un TUO pensiero. Ma una che scrive “infatti Gesù faceva ammucchiate con gli apostoli” vuol dire che non solo non ha argomentazioni, ma che non ci può nemmeno arrivare.

    • Andrea

      Susi evviva i degenerati. Chi è in grado di vivere la propria vita al di sopra dei vostri giudizi ha la mia stima. Se tu giudichi un altro è perchè manca a te qualcosa. Susi, non riesci a stare bene sapendo che esiste anche l’amore tra uomo e uomo e tra donna e donna?Il problema è tuo. La degenerazione della mente umana è la tua. Il gay sta bene indipendentemente da ciò che fai tu. Questo mi basta per capire chi dei due sta sbagliando.

  • fulvio rozzi

    Popolo della Famiglia : altra setta integralista,lontana dalla società, dall’etica, dalla morale, dalla vita ………….

    • Elio

      Aiutare le mamme con figli,aiutare di piu le famiglie nunerose è lontano dalla morale? Si cercano di aiutare le famiglie tradizionali non demonizzando o attaccando altri tipo di famiglia.

      • fulvio rozzi

        “cercare di aiutare le donne favorendole per non abortire” …… ma cosa stai dicendo ?

        • Elio

          L aborto è un trauma per le donne ed un omicidio,cercare di trovare modi per dare una reale scelta ad una donna è giusto. Gli aborti che avvengono per mancanza di supporto affettivo o sociale ad una donna,quelli che avvengono per forti disagi economici,non e’ giusto aiutare le donne e dar su che possano scegliere se abirtire o no liberamente libere dalle costrizioni appena citate?

          • Andrea

            Certo, peccato che il popolo della famiglia sia contro la scelta libera. Un gruppo di frustrati che non sopportano che gli altri possano essere liberi di fare ciò che vogliono e di amare chi vogliono. Se la famiglia tradizionale è così bigotta e quadrata, meglio starne alla larga.

          • Elio

            Giorgia Meloni,grande sostenirtice,ha un figlio e non è sposata,Matteo Salvini,un altro,divorziato con figli. Io fumo pipa,sigari e sigarette come un turco ma sono comunque favorevole alle aree per non fumatori e dico che il fumo fa male. Non lo sono ma se fossi gay farei la mia vita e sarei comunque favorevole a sostenere le famiglie classiche,è cosi strano svere un po’ di onestà intellettuale? Non ho sentito nessuno del popolo della famiglia proporre di rinchiudere i gay in galera o di vietare l aborto,se cosi fosse mi darebbe in grande piacere a riportarmi quale esponente del movimento ha detto cose simili e quali e ne prenderò le distanze immediatamente. Consideri che il promotore della manifestazione di Verona è un sostenitore e,anche se esterno,collaboratore di Trump, e trump non mi sembra abbia una famiglia,tradizionale…

          • Andrea

            Non ha mai sentito il popolo della famiglia dirsi contro i gay e l’aborto????????????????ma se hanno proposto l’abolizione della legge 194, hanno manifestato attivamente contro l’aborto in innumerevoli occasioni sostenendo che fosse omicidio e andasse proibito! e non hai mai sentito nulla contro i gay???????? ma ti rendi conto che hai risposto ad un messaggio che chiamava i gay “degenerazioni della mente umana”???? MA STIAMO SCHERZANDO? Non ti sembra abbastanza per prenderne le distanze? aspetti che inizino a fucilarne qualcuno?

          • Elio

            Chi ha proposto di abolire la legge per l aborto? È stato proposto di applucarla titalmente compreso l incentivare le donne a non farlo perché è omicidio e quindi teaumatico anche per la donna. Un uomo normale è attratto dalle donne e viceversa e cisi nascono i bambini naturalmente. Se un uomo va con un uomo ed una donna con una donna i bambini non nascono naturalmente e da qui famiglie naturali o no. Un bambino è meglio che,visto che uomini e donne sono diversi anche mentalmente,e questo è ricinosciuto sia dai gay che la comunità scentifica cresca con entrambe le figure. Poi un bambino può crescere con solo un genitore o con 2 maschi o 2 femmine ma con un uomo ed una donna è sempre meglio in qusnto ha le 2 figure complementari che lo allevano,quindi favorire questo è male? Se poi si vogliono scusare quelle manifestazioni,come a verona,politicizzate che sono contro questo tipo di famiglia per motivi politici è un altro discorso

          • Andrea

            Tra il favorire e il denigrare tutto il resto c’è una bella differenza. Scusami, ma io non tollero di sentire chiamare un gay “degenerazione della mente umana”, e lo dico da etero, e se mio figlio sentisse un ragionamento simile mi vergognerei come un ladro. Ad aver proposto di abolire la legge per l’aborto è stato Adinolfi seguito a ruota da tutti i suoi sostenitori. Lo ha detto per esempio a Radio24 nel 2016, sostenendo che fosse una pratica pericolosa che ha causato la mancata venuta al mondo di 6milioni di italiani, e che va abolita. Ma basta scrivere “popolo famiglia aborto” su google per verificarlo da solo. Per quanto riguarda l’affetto che un gay può dare ad un bambino le dico che conosco coppie uomo/donna da galera nel crescere i bambini. Ogni cosa dipende dalla persona che hai davanti, non dal suo sesso o dal suo orientamento sessuale. Io sono stato cresciuto solo da mia madre e non mi ritengo particolarmente strano. Ci sono coppie etero che figliano senza avere la minima idea di come si cresce un bambino. Solo pensando alla mia via mi vengono in mente tantissimi esempi di genitori poco capaci. Dire che una persona non è in grado di amare un bambino perchè ha un orientamento sessuale diverso è una cosa da far piangere Gesù.

          • Elio

            Ma lei è tanto felice quando sente donne abortire? Considerando che esidtono contraccettivi da centinaia d anni,spesso abortiscono per problemi economico-sociali rimediabili,un aborto la lascia indifferente? Parlando in maniera atea,l aborto con differenze che variano anche da atato a stato il che è a dir poco osceno,valuta in maniera approssimativa la formazione del cervello,quindi del ragionamento di un individuo e si da la possibilità di uccidere il feto quanto non ritenuto pensante e privo di emozioni. Si veda che tantissimi medici si rifiutano di praticare aborti,tutta gente con mentalità bigotta la maggior parte dei medici? Anche se cercandola ovunque,nessun medico è riuscito a trovare fisicamente l anima e,se da una parte si può dire che non esiste non si può negare che non si può escludere a priori la sua esistenza in quanto essa è fulcro di tutte le culture e religioni partendo dalla tarda religione sumera,passando per gli induisti,mussulmani,cristiani,ebrei,animisti e chi piu ne ha piu ne metta. Va bene che non tutti sono credenti ma democraticamente parlando bisogna riconoscere l esistenza di un anima anche in diverse forme non presa in considerazione dalla scenza nedica,e non dai medici… Non sapendo nulla dell anima e ben poco,cambiando argomento,del cervello,come si può dire con esattezza quando conincia a firmarsi un uomo dall atto del concepimento,i medici stessi tirano a casoin quanto non tutti gli stati hanno gli stessi limiti dell aborto. Quindi prendersi la responsabilità di affermare con assoluta certezza che un esssere vivente con poche settimane di vita non ha anima,sentimenti,ragione e sensibilità trivo sua a dir poco da mitomani decisamente molto sicuri di sé che sinceramente invidio,io non riuscirei mai ad essere sicuro di uccidereo legalizzare un aborto avendo tutti questi dubbi. Se lei ne ha le certezze la invidio per la sua onniscenza

          • Andrea

            1- mai detto di essere felice per un aborto, ma non per questo ne sono contrario.

            2- ci sono migliaia di motivi per la quale una donna vuole abortire, non solo economici.
            3- i medici che non vogliono fare aborti NON sono la maggior parte come dice lei
            4- mi dice che nessuno ha mai chiesto di vietare l’aborto e che non è la sua idea o quella del popolo della famiglia, che vuole solo seguire le donne ed aiutarle a fare la scelta giusta, ma conclude dicendo “io non sarei sicuro di legalizzare l’aborto”………………………
            5- non le viene in mente che magari l’aborto, essendo brutto anche per la madre, a volte sia quasi dovuto? se tu non hai la possibilità di crescere un figlio e per sfiga ti si è bucato il profilattico? ma sai quanti genitori inadatti crescono figli depressi in ambienti degradati? A volte non ci sono molte alternative. Il discorso che tu fai è legato ad una sorta di misticismo che ha a che fare con dio e l’anima, cose che a me interessano ben poco. Posso credere che esista l’anima ma non le do un valore spirituale, non penso che l’aborto porti all’inferno o stupidaggini simili, e non lo pensa un sacco di altra gente. L’unica differenza è che voi volete imporre il vostro pensiero a chi non la pensa come voi, mentre noi vogliamo solo essere liberi di vivere. Io non sono gay ma non mi frega assolutamente nulla se tu lo sei, se ti sposi e se adotti un bambino che ha bisogno di essere adottato. Se la mia compagna volesse abortire le lascerei la scelta nonostante io non lo farei. Non penso che un feto soffra, no. Comunque non la obbligherei mai ad abortire, a sposarsi, non la giudicherei se si innamorasse di un uomo o di un trans, sono solo affari suoi. Non mi ritengo nemmeno in grado di giudicare se lei possa dare o no amore ai suoi figli, e se lo possa fare anche da gay. Io non voglio imporle nulla. Nelle famiglie tradizionali spesso i figli vengono cresciuti da un solo genitore, ormai divorziano tutti. Se vi stesse davvero a cuore solo il bimbo, allora sappiate che già ora un numero enorme di bambini vive senza mamma o papà, e penso che a nessuno di loro cambierebbe nulla a livello affettivo se fossero gay.

          • Elio

            Legga bene,i titoli dicono che sono contro la194 ma sono furvianti,legga bene e vede che non è cosi. Non sostengono l aborto ma non vogliono abolire la legge,è come le ho scritto in precedenza. Si può crescere,come ho detto,in una famiglia non tradizionale ma negare che la natura umana fa si che un uomo cada con una donna per dare figli è una presa di posizione ideologica e innaturale. Se è normale che una donna cada con un uomo se una donna ca con una donna non lo è, infatti per far si che abbiano figli bisogna ricorrere a metodi innaturali. Se solo la maggioranza delle persone fossero stare gay 100 anni fa o anche meno forse saremmo in via di estinzione,questo significa che sono rapporti innaturali. Ora ci sono pagliativi biologici ma pagliativi sono e devono rimanere,come del resto le famiglie innaturali.

          • Andrea

            Ho letto gli articoli, non i titoli, e ho letto svariate volte “abolizione della legge 194”. Nessuno nega che i figli nascano da un uomo ed una donna, io nego assolutamente il fatto che due uomini o due donne non possano amare un bambino in egual modo. Se tu pensi che non sia così, stai praticamente dicendo che i gay non sono in grado di amare un bambino, ed è una cosa incredibilmente stupida ed orribile. Si ricorre a metodi innaturali ormai anche per far fare figli a coppie etero quando non possono averne, questo non è contro natura? Il popolo della famiglia discrimina quelli diversi da loro, e lo fanno sotto il nome di Dio, che è una cosa veramente assurda. E’ assurdo anche che lei non capisca come possa sentirsi un gay quando voi dite che è una degenerazione della mente umana. Se lo dicessero di lei ne sarebbe entusiasta? secondo te il volere di Dio è che un manipolo di pazzi ci dica come dobbiamo vivere? Perchè vuoi mettere il becco nelle vite degli altri sottoforma di volere divino/cose naturali? non è naturale andare in giro in macchina, non è naturale scrivere al PC, non è naturale fare il 90% delle cose che facciamo. Le auto non si trovano in natura, le costruisce l’uomo per necessità, esattamente come la fecondazione in vitro. L’unica cosa che cambia è che voi vi arrogate il diritto di scegliere per gli altri.

          • Elio

            Dio a mio avviso non centra ma il buon senso. Mettere sullo stesso piano famiglie con figli e genitori di entrambi i sessi con genitori dello stesso sesso è sbagliato. Non si parla di amore ma di differenti personalità, mascile e femminile da una oarte mentre dello stesso sesso dall altra. Quando un uomo vuole cambiare sesso perché si sente donna dentro significa che,fisico a parte,ci sono differenze tra uomo e donna,quindi perché dire che è uguale. I gay sono pervertiti o altro? Per ne no ma,come nel mio caso che avendo oerso da giovane il padre sono stato allevato da madre,sirella e zia,sono stato tirato su senza problemi ma non nego di aver sentito la mancanza diuna figura paterna,questo vale per tutti credo. Quindi favorire famiglie con genitori di entrambi i sessi rispetto a famiglie diverse io penso sia giusto,senza ovviamente,come alcuni fanno,insultare altri generi di famiglie. Però incentivare le classiche famiglie non mi sembra un idea di fanatici religiosi o del kkk. Io sono credente ma tendenzialmente panteista quindi qui non centra la religione ma dati di fatto. Una coppia gay cresce un bambino,che lo faccia,per il bambino avere 2 mamme non sarà lo stesso che avere un padre ed una madre,pur che abbiano grande affetto non saranno mai in grado di dare punti di vista maschili e femminili ad un bambino in modo che crescano completi,pur bravi che siano. Incentivare le famiglie classiche e pensare che non sia una bella cosa l aborto è forse una cosa cosi antiquata da extraterrestri e fanatici religiosi? Si potrà non essere daccordo su alcuni pu ti ma chi non è daccordo fa tanto casino piu che per motivi politici che morali credo

          • Andrea

            Tu usi a sproposito il termine “incentivare” per difendere ciò che dici. Il popolo della famiglia non “incentiva” il proseguimento della gravidanza, ma vuole vietare l’aborto. Non “incentiva” la famiglia tradizionale, ma offende e boicotta la famiglia non tradizionale. La cosa peggiore è che non solo tu non lo vedi, ma avalli il tutto dando ragione a chi chiama i gay depravati mentali. Come fai a non capire in che modo brutale denigri una persona chiamandola “depravata mentale” solo perchè gli piace il suo stesso sesso? E’ come se domani dicessi che “gli idioti non devono avere figli” e la mettessi nella suddetta categoria, per poi dirle “ma ci mancherebbe, mica ti vieto di essere idiota o di avere figli, dico solo che lo sei e non dovresti averne”. Io ho più paura di un figlio cresciuto con le sue idee o quelle terrificanti di Susi che di un bambino cresciuto da due gay.

          • Susi

            Se un bambino adottato da due uomini,li vede baciarsi a casa penserà che è una cosa giusta.allora andrà a scuola e metterà la lingua in bocca al suo vicino di banco perché lo ha visto fare a casa.le sembra normale?

          • Andrea

            Certo, allora se un bambino vede il papà baciare la mamma, andrà a scuola a baciare tutte le sue compagne di classe. Ti sembra normale? Ma soprattutto…..ti sembra normale ciò che dici? io da piccolo vedevo notizie di guerra al telegiornale ma non andavo a buttare in giro bombe, vedevo i tossici in piazza Roma, ma non sono mai andato a bucarmi. VEDEVO UOMINI BACIARSI, ma non sono gay. Ma stiamo scherzando? cos’è, un bimbo che vede due uomini che si baciano diventa un assalitore pervertito? Speriamo non veda mai per sbaglio mamma e papà a letto insieme, sennò il giorno dopo in classe chissà che fa! PS due uomini che si baciano è una cosa giusta, non è che sembra. Se si baciano perchè vogliono farlo è giustissimo. Stiamo parlando di un bacio, nulla di dannoso o sconcio o punibile. I miei figli devono crescere lontano da pensieri come il suo, non dai gay. Baciarsi per amore va bene anche tra scimmie, anche tra eunuchi, tra ermafroditi, transessuali, asessuati o parameci. L’odio per gli altri che diffondi te, invece, non lo insegnerei nemmeno al figlio del mio peggior nemico. Spero vivamente che stiano lontano da gente come te, senza offesa.

          • Susi

            Guarda Gli animali hanno più buon senso di te

          • Andrea

            tipica risposta di chi non sa cosa dire

  • Giamburrasca19

    Il popolo della famiglia ( quindi con figli ) approva anche il totale appoggio del cattociellino Malvezzi al modello mensa di
    Lodi e Vigevano ( gia dichiarato discriminatorio dai giudici di Milano e Vigevano) proposto dal leghista Zagni dove si viene a negare la mensa a dei BAMBINI di extracomunitari ??
    Come farete a scendere a patti con la vostra coscienza di padri madri quando guardando negli occhi i vostri figli penserete che avete negato del cibo a un bambino???
    I BAMBINI NON SI TOCCANO, NON SI SEMINA RANCORE ODIO E APARTHEID.
    Don Giussani si rivolta nella tomba.

    • Elio

      Non si vieta ma vengono richieste dei redditi anche nel paese d origine visto che molti hanno immobili. Se poi non portano la dicumentazione necessaria,proprio comedeve dare un italiano,non hanno agevolaziini e devono pagare la mensa senza sconti. Cosi è

  • Giamburrasca19

    Se due giudici lo hanno dichiarato discriminatorio aggiungendo che prima occorre usare la coscienza…..
    Posso capire il principio ma quando una famiglia arriva da paesi dove la guerra ha distrutto tutto e cerca di rifarsi una vita ma non puo’ richiedere il documento che attesti che non ha proprieta’ magari anche perche’ in patria non e’ possibile ottenerlo cosa facciamo?? Cosa fa’ il popolo della famiglia?

    • Elio

      Ma lei si inventa le cose? Per gli apolidi e per i rifugiati di guerra,politici o con protezione sussidiaria basta la certificazione italiana. Per chi viene da paesi molto poveri basta una certificazione del paese di provenienza che attesti la reale povertà della famiglia

      • Giamburrasca19

        Se vuole può leggere il mio ultimo commento NON inventato.salutoni e buona riflessione.

      • Giamburrasca19

        AGI.it
        Come ha fatto il comune di Lodi a vietare la mensa scolastica ai figli degli immigrati
        Anche il ministro Bussetti è perplesso: per accedere ai servizi ci vogliono documentazioni introvabili

        di nicola graziani | 13 ottobre 2018, 15:23

        Lodi – Piazza della Vittoria
        Vuoi la mensa scolastica per tuo figlio? Vai in Senegal e torna con in mano il certificato che comprovi le tue eventuali proprietà immobiliari nel suddetto Senegal, magari rilasciato dal catasto di Manda (centro ai confini con il Gambia così sperduto che nemmeno Wikipedia ha una voce dedicata). E che sia dotato di traduzione ufficiale in italiano, con tanto di bollo. Sennò niente mensa e nemmeno niente pulmino che te lo prende e te lo riporta a casa. A piedi, deve andare.

        Anche il ministro leghista è perplesso
        Nemmeno il ministro della pubblica istruzione del governo giallo-verde, il leghista Marco Bussetti, è riuscito a dirsi d’accordo con le disposizioni del comune di Lodi, dove è in vigore un regolamento che certe richieste le mette nero su bianco. I cittadini dei Paesi extra Ue che intendano accedere ai servizi sociali riguardanti la scuola, si legge, presentino la documentazione attestante i loro redditi in Italia, ma anche “i redditi e i beni mobili o immobili registrati disciplinati dall’articolo 816 del Codice Civile, eventualmente posseduti all’estero e non dichiarati in Italia”.

        La giunta di Lodi, al centro l’assessore Suellen Belloni
        “Spero nella sensibilità degli amministratori locali”, ha commentato il ministro quando è stato richiesto di una sua valutazione, “spero trovino in fretta una soluzione non mettendo in difficoltà questi ragazzi”. Ancora più esplicito: “Non bisogna mai strumentalizzare i bambini per fini particolari”Certo, il sindaco leghista di Lodi, Sara Casanova, e l’assessore alle politiche sociali, Suellen Belloni, hanno previsto anche che siano esentati dalla presentazione della documentazione i rifugiati politici e i profughi provenienti da Libia, Yemen, Afghanistan e Siria. Lì notoriamente c’è la guerra. La casistica delle eccezioni però si ferma qui. Gli altri si arrangino, anche se l’Africa è la culla delle guerre non dichiarate ed endemiche, per non parlare di quelle dimenticate e delle reali condizioni in cui operano i locali uffici statali. Quelli a cui bisognerebbe spiegare l’esistenza dell’articolo 816 del codice civile italiano.

        Qualcuno è partito, pieno di buona volontà, per il natio Bangladesh, ma è tornato dovendo ammettere che certi documenti semplicemente non esistono.Chi non ce l’ha fatta, o non ce la farà, ha davanti prospettive poco allegre. Mediamente si tratta di persone prive di un reddito alto. Nonostante questo saranno costretti, per accedere ai servizi, a pagare come se appartenessero alla fascia dei più abbienti. Vale a dire: circa 6 euro al giorno per la mensa, 570 per l’asilo nido. Sommate, queste due voci da sole danno quasi 700 euro al mese. Per qualcuno è uno stipendio intero o ci manda molto poco.

        Il quadruplo di quanto non avrebbero diritto a pagare se rientrassero nella graduatoria.

        JENS BUTTNER / ZB / DPA
        Bambini all’uscita da scuola
        In più c’è da considerare che da qualche giorno i bambini nelle scuole di Lodi, all’ora di pranzo, si trovano ad essere divisi in due stanze diverse: da una parte la mensa, dall’altra chi si deve portare un panino da casa.

        • Elio

          Allora gli italiani devono dichiarare tutto fino all ultimo centesimo e i senegakese,come spesso accade,hanno proprietà in senegal ma non dichiarano nulla sfruttsndoi loro figli. Ottima soluzione,razzista per di piu

          • Giamburrasca19

            Se non si vuole capire lascio perdere.saluti.

  • Giamburrasca19

    Io non invento niente il problema è che il più delle volte in certi Paesi nemmeno esiste un ufficio che si occupi di affari del genere così, veda lei.
    Ripeto i bambimi non si discriminano.
    Lo spieghi lei che devono essere separati e messi (se va bene) in una stanza a parte mentre gli altri mangiano.
    Saluti

    • Elio

      Quali paesi? I genitori che si sono lamentati a lodi vengono dall india,Marocco,egitto…. L idea,anche se la possibilità è molto remota,che uno straniero voglia emettere di avere terre o altro per aver aiuti,non la prende minimamente in considerazione? Tutti santi gli immigrati? A vedere la cronaca qualche dubbio mi sale

  • Ghidebor

    Vitali porta un po’ di firme irregolari come dote alla coalizione?

  • Giamburrasca19

    COME VEDETE NON MI INVENTO LE COSE …..CI HANNO PENSATO I GIUDICI A SISTEMARLE .

    AGI.it
    Come ha fatto il comune di Lodi a vietare la mensa scolastica ai figli degli immigrati
    Anche il ministro Bussetti è perplesso: per accedere ai servizi ci vogliono documentazioni introvabili

    di nicola graziani | 13 ottobre 2018, 15:23

    Lodi – Piazza della Vittoria
    Vuoi la mensa scolastica per tuo figlio? Vai in Senegal e torna con in mano il certificato che comprovi le tue eventuali proprietà immobiliari nel suddetto Senegal, magari rilasciato dal catasto di Manda (centro ai confini con il Gambia così sperduto che nemmeno Wikipedia ha una voce dedicata). E che sia dotato di traduzione ufficiale in italiano, con tanto di bollo. Sennò niente mensa e nemmeno niente pulmino che te lo prende e te lo riporta a casa. A piedi, deve andare.

    Anche il ministro leghista è perplesso
    Nemmeno il ministro della pubblica istruzione del governo giallo-verde, il leghista Marco Bussetti, è riuscito a dirsi d’accordo con le disposizioni del comune di Lodi, dove è in vigore un regolamento che certe richieste le mette nero su bianco. I cittadini dei Paesi extra Ue che intendano accedere ai servizi sociali riguardanti la scuola, si legge, presentino la documentazione attestante i loro redditi in Italia, ma anche “i redditi e i beni mobili o immobili registrati disciplinati dall’articolo 816 del Codice Civile, eventualmente posseduti all’estero e non dichiarati in Italia”.

    La giunta di Lodi, al centro l’assessore Suellen Belloni
    “Spero nella sensibilità degli amministratori locali”, ha commentato il ministro quando è stato richiesto di una sua valutazione, “spero trovino in fretta una soluzione non mettendo in difficoltà questi ragazzi”. Ancora più esplicito: “Non bisogna mai strumentalizzare i bambini per fini particolari”.

    Le guerre ricordate e quelle dimenticate
    Certo, il sindaco leghista di Lodi, Sara Casanova, e l’assessore alle politiche sociali, Suellen Belloni, hanno previsto anche che siano esentati dalla presentazione della documentazione i rifugiati politici e i profughi provenienti da Libia, Yemen, Afghanistan e Siria. Lì notoriamente c’è la guerra. La casistica delle eccezioni però si ferma qui. Gli altri si arrangino, anche se l’Africa è la culla delle guerre non dichiarate ed endemiche, per non parlare di quelle dimenticate e delle reali condizioni in cui operano i locali uffici statali. Quelli a cui bisognerebbe spiegare l’esistenza dell’articolo 816 del codice civile italiano.

    Qualcuno è partito, pieno di buona volontà, per il natio Bangladesh, ma è tornato dovendo ammettere che certi documenti semplicemente non esistono.

    Uno su cinquanta ce la fa
    Non è un caso che le richieste di accesso ai servizi del comune siano state falcidiate. Le cifre parlano chiaro: alla fine di settembre le domande presentate erano 94. Quelle accettate quattro. Ad ora le richieste sono salite a 259, le approvazioni a cinque. Nel frattempo il regolamento viene difeso dal sindaco Casanova: “Voglio tranquillizzare tutti i cittadini – davvero tantissimi – che mi sostengono e mi hanno espresso la loro vicinanza. Non si preoccupino, non intendo arretrare di un passo”.

    Ugualmente Sueellen Belloni precisa: “Si tratta di un gesto politico, dovuto a chi ci ha votato e a cui abbiamo assicurato che prima sarebbero venuti gli italiani”.

    Gli altri 409 rimasti senza aiuto
    Chi non ce l’ha fatta, o non ce la farà, ha davanti prospettive poco allegre. Mediamente si tratta di persone prive di un reddito alto. Nonostante questo saranno costretti, per accedere ai servizi, a pagare come se appartenessero alla fascia dei più abbienti. Vale a dire: circa 6 euro al giorno per la mensa, 570 per l’asilo nido. Sommate, queste due voci da sole danno quasi 700 euro al mese. Per qualcuno è uno stipendio intero o ci manda molto poco.

    Il quadruplo di quanto non avrebbero diritto a pagare se rientrassero nella graduatoria.

    JENS BUTTNER / ZB / DPA
    Bambini all’uscita da scuola
    In più c’è da considerare che da qualche giorno i bambini nelle scuole di Lodi, all’ora di pranzo, si trovano ad essere divisi in due stanze diverse: da una parte la mensa, dall’altra chi si deve portare un panino da casa.

    Non il massimo per una scuola che, secondo un‘altra norma (costituzionale) avrebbe tutt’altro scopo: “I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso”. Articolo 34. Non è del codice civile, ma è quello a cui probabilmente pensava il ministro Bussetti.