3 Commenti

Arredo urbano abbandonato
alle serre comunali, Zagni:
'Spreco di soldi pubblici'

Complementi di arredo urbano abbandonati alle serre comunali” a denunciare la situazione è il candidato capolista della Lega, Alessandro Zagni: “Si tratta di cubi in plastica e sedute colorate che la giunta Galimberti aveva acquistato nel triennio 2014-2016 per la riqualificazione del corso, oggi accatastate nella struttura di Via Sesto a Cremona” evidenzia.

“Dalle famose strisce blu in avanti sono stati spesi quasi 100 mila euro in tre anni”, dice Zagni in un video postato sui suoi canali social. “Il risultato? Sedie accatastate, cubotti abbandonati a far polvere e soldi pubblici sprecati. Oltre al danno la beffa: questi soldi sono stati spesi per nulla, perché l’arredo urbano è stato rimosso e soprattutto perché Corso Garibaldi è una strada ancora in crisi. Sprechi e improvvisazione hanno portato al disastro”.

“Le scelte di Galimberti e della sinistra hanno penalizzato tutto il commercio, noi vogliamo che il centro di Cremona torni ad essere il cuore pulsante della città: abbiamo studiato un piano serio fatto di azioni concrete, il tempo dei soldi pubblici sprecati e delle scelte ideologiche sbagliate è finalmente finito” conclude il candidato.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Rosso

    Gli autobloccanti tolti ai giardini pubblici dove sono andati a finire?

  • Franz

    Scelte concrete? Cioè…??

  • ciclo-pe

    L’ arredo urbano della rigenerazione urbana? Le plastiche maleodoranti che hanno infestato per mesi le strade della città? Il posto dove sono ora in effetti non va bene. Era meglio portarli direttamente all’inceneritore con la insulsa statua in vetroresina stradivariana. Comunque l’arredo urbano del centro destra lo conosciamo già, auto ovunque possibilmente suv e meglio se sul marciapiede o sulla pista ciclabile.