Politica
Commenta9

Ballottaggio, ultimo appello al voto di Malvezzi: 'In città voglia di cambiamento'

Ultimo appello al voto per il candidato sindaco Carlo Malvezzi, che in una nota chiede ai suoi elettori di andare a votare: “In città c’è voglia di cambiamento” scrive. “E le prossime ore saranno decisive perché questo desiderio diventi realtà. Ad una condizione: che andiamo tutti a votare. Passare un minuto della nostro tempo al seggio può valere cinque anni di futuro. Cinque anni per una Cremona del buon governo ed un Comune della concretezza, che ascolti i cittadini passando dalle parole ai fatti”. Così il candidato sindaco del centrodestra Carlo Malvezzi lancia l’appello al voto ai cittadini cremonesi. E sprona candidati, militanti e sostenitori della coalizione «a percorrere con determinazione, tutti insieme, l’ultimo chilometro, stimolando le persone ad andare alle urne e raccontando la nostra idea di città”.

“Non ci siamo mai fermati e non ci fermeremo ora” prosegue Malvezzi. “Se vogliamo davvero voltare pagina, liberare le energie della nostra splendida città, spezzando i lacci dell’immobilismo e della cattiva amministrazione, non possiamo stare fermi: abbiamo il dovere di continuare a parlare con tutte le persone che incontriamo, con famigliari ed amici, vicini di casa e colleghi di lavoro, per raccontare la Cremona che vogliamo”.

“E’ stata una campagna elettorale in crescendo costante tra la gente, con momenti di confronto entusiasmanti” peosegue Malvezzi. “In moltissimi incontri tra strade, piazze, parchi, negozi ed esercizi pubblici abbiamo mostrato i nostri progetti e le nostre proposte messi nero su bianco, abbiamo parlato con le persone, ci siamo rivolti alle famiglie, ai giovani, agli anziani, agli imprenditori, a chi si sente abbandonato e a chi non vuole essere lasciato indietro. Ebbene: il voto di domenica può contribuire a riportare la speranza, perché significa scegliere tra passato e futuro.

Una manciata di secondi al seggio equivale infatti a dire sì al cambiamento. Ed ogni voto fa la differenza. Mi rivolgo a tutti i cittadini: come ha ricordato il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini, al ballottaggio si riparte da zero a zero, è come un calcio di rigore che fa la differenza tra vittoria e sconfitta. Scriviamo insieme il futuro di Cremona. Non è vero che con il voto nulla cambierà.

Dandoci fiducia, i cremonesi potranno abbracciare il cambiamento: siamo qui per difendere la famiglia, la vita e la libertà di educazione, siamo determinati ad abbassare le tasse, aiutare le imprese ad assumere e a creare posti di lavoro per i giovani, siamo pronti a realizzare le opere che Cremona attende ormai da troppo tempo; siamo qui per lavorare gomito a gomito con i cittadini, per contribuire a portare più sicurezza e meno degrado, servizi migliori e meno burocrazia, strade e infrastrutture efficienti. Insomma: col voto di domenica possiamo dirlo forte e chiaro: è ora di cambiare, e prima di tutto vengono i cittadini cremonesi”.

© Riproduzione riservata
Commenti