Commenta

Numeri scuola cremonese:
qui i voti più alti alla maturità
rispetto alla media regionale

La Provincia di Cremona conta 43 istituti scolastici, per un totale di 282 plessi; in particolare, 92 scuole d’infanzia, 97 primarie, 53 scuole medie e 40 superiori. Le paritarie sono 46 per 243 sezioni. Sono alcuni dati presentati dalla direzione scolastica regionale a inizio anno.

Il contingente degli studenti ammonta a 44.897 ragazzi, 15.719 dei quali frequenta una secondaria di secondo grado. 8463 gli alunni con cittadinanza non italiana, di cui 168 nuovi ingressi. Anche la Lombardia risente del calo demografico: guardando allo storico a partire dal 2002/2003 c’è stato un incremento sempre più ridotto di iscritti e negli ultimi due anni scolastici addirittura una flessione dello 0,27 e dello 0,42% (2018/19 e 2019/2020).
Degli studenti cremonesi, il 44,5% sceglie il liceo dopo la terza media (media regionale: 47,1); il 40,5 un istituto tecnico (37.6 la media) il 15% un istituto professionale (in linea con la media regionale).
La dotazione organica è di 4.266 posti per insegnanti sui posti normali e 666 per quelli di sostegno.

Ammonta a 1244 persone l’organico del personale ATA.

Agli ultimi esami di stato sono stati ammessi 2716 ragazzi, 4 non sono stati promossi, ma la percentuale di promozione, pari al 99,85%, è la più alta di tutta la regione: un dato che conferma le anticipazioni già divulgate a luglio. Gli studenti della provincia di Cremona si dimostrano anche più bravi delle media regionale per quanto riguarda i voti di uscita dalla scuola superiore: i 60/60 a Cremona hanno interessato il 4,8% degli studenti contro il 7,2 della media regionale; e anche i voti compresi tra 61 e 70 sono stati inferiori alla media regionale (31% contro il 34,5). Per contro, i voti di fascia alta sono stati da noi in misura superiore: il 10,8% dei cremonesi ha preso un voto tra 91 e 99 contro l’8,4% regionale; i 100 sono stati il 4,9% contro il 3,6%; e infine i 110 e lode sono stati addirittura il doppio: 1,4% contro lo 0,7%. g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti