Commenta

Mostard’arte: un percorso per
scoprire la cultura cremonese
Festival della Mostarda al via

In occasione della 5a edizione del Festival della Mostarda che sabato 19 e domenica 20 farà tappa a Cremona, si terrà l’iniziativa Mostard’arte, un gustoso percorso alla scoperta dei luoghi inediti e inaspettati della città. Mostard’arte è il frutto dell’unione creativa tra il tipico prodotto cremonese e le bellezze della città, durante il quale, attraverso il canto, le maestrie artigianali, la fotografia e la storia, si potranno cogliere le diverse sfumature della mostarda e i suoi diversi usi.

Ma non solo: Mostard’arte coinvolgerà le tradizioni cremonesi nella creazione di un disegno complessivo che vuole unire i saperi delle aziende produttrici alla cultura del territorio.

Di seguito il programma dell’iniziativa nel dettaglio:

•Il 19 e il 20 ottobre, presso i Giardini Pubblici di Piazza Roma a Cremona, sarà allestita una mostra fotografica a tema. Le foto d’autore presenteranno le varie sfaccettature della mostarda: i suoi differenti usi in cucina, la sua peculiare lavorazione e la brillantezza dei suoi vividi colori. •Il 19 ottobre, alle ore 18.30 presso la Sala Maffei della Camera di Commercio di Cremona (ingresso via Lanaioli 7), si esibirà il coro “Il Cantiere”, diretto da Carla Milanesi, a cura dell’Accademia Italiana della Cucina. Il repertorio del concerto Gustarcantando spazierà dal ‘700 ai giorni nostri, con una rassegna di brani che testimoniano l’aspetto gradevole del cibo e della convivialità.

•Dal 13 al 20 ottobre, con apertura dalle 19.00 alle 20.00, il fotografo amatoriale Salvo Liuzzi presenterà la sua personale mostra in via Solferino 33, Cremona. Liuzzi, attraverso i suoi scatti, coglie con sguardo singolare l’atmosfera delle celebri botteghe liutaie cremonesi. In particolare le foto Mostarda in Bottega realizzate presso la bottega del Maestro Conia sono sicuramente molto suggestive.

•Il 19 ottobre alle ore 16.30 si terrà una visita esclusiva all’interno della bottega liutaia di Conia. La pittoresca bottega Conia, situata in Corso Garibaldi 95, con le sue origini ungheresi e la sua ospitalità internazionale, diventerà uno dei set più particolari del Festival della Mostarda.

La diversità delle tradizioni, l’arte liutaria da una parte e la bellezza della mostarda dall’altra, richiama il concetto di Design Territoriale, volto a far emergere i saperi e le maestranze legate ai prodotti tipici cremonesi. Le due tradizioni, come si potrà sperimentare durante la visita, non si sovrastano, ma al contrario le loro differenze tendono a farle emergere armoniosamente rispettandone l’unicità. L’intento non è quello di creare una distinzione o una classificazione dei saperi, ma di condurre un percorso esplorativo volto a imparare dalle diversità.

· Il 19 ottobre si terrà “Il segreto di Stradivari”, visita guidata, alle 15.00, a pagamento
Passeggiata con il maestro liutaio per scoprire i luoghi dove visse e lavorò con racconti e aneddoti sulla sua vita e sui suoi violini.

•Il 20 ottobre sarà possibile svolgere una visita straordinaria, a pagamento, all’interno di Palazzo Calciati Crotti in Via Palestro 1. Alle ore 15.00 e alle ore 16.30 delle guide esperte condurranno gli interessati alla scoperta della storica dimora, chiusa dal 1995 e riaperta quest’anno, grazie all’iniziativa di Target Turismo e delle proprietarie Anna e Giuseppina Calciati.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti