6 Commenti

Via Dante in dirittura
d'arrivo, per il nuovo
multipiano tempi incerti

Procede speditamente il cantiere lungo via Dante, arrivato ormai all’altezza di via del Vecchio Passeggio, con la demolizione dello spartitraffico centrale e l’ampliamento a tre corsie. Tutto tace, invece, in merito all’avvio dell’altro importante cantiere previsto in zona, quello per il multipiano di fianco al cavalcavia. Quando il progetto venne presentato ai residenti, lo scorso luglio, era stato spiegato che i lavori sarebbero iniziati a settembre, fatti salvi gli adempimenti amministrativi della ditta che si era aggiudicata l’appalto (leggi QUI); da allora però nulla si è mosso e del cantiere per la realizzazione della struttura da 140 posti non c’è traccia.

E restano in attesa di conoscere il loro destino anche i pendolari che si recano ogni mattina in stazione con la propria auto: sempre nell’incontro di luglio, l’assessore alla Mobilità Simona Pasquali aveva detto che sarebbero stati individuati posti auto alternativi oltre il cavalcavia, nelle adiacenze del cimitero, a lato di via San Francesco d’Assisi e nei pressi delle Poste. Uno dei pendolari presenti aveva chiesto che venisse messa a disposizione una navetta che facesse la spola fino al piazzale della stazione, visto che i lavori del multipiano si protrarranno per almeno un anno. “Abbiamo sperimentato la durata del tragitto a piedi”, aveva spiegato Pasquali, “ci vogliono 10 minuti per arrivare al punto dove si parcheggia ora”. La risposta alla richiesta è quindi rimasta in sospeso. Da allora i pendolari non sono più stati contattati. g.b.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Eugenio Rotelli

    In dirittura? Ma quando mai. Sull’altro lato i lavori non sono nemmeno iniziati.

    • Gianluca

      Potrebbe essere che invece di realizzare due ciclabili (una per lato) abbiano pensato di farne una sola bidirezionale.

      • Eugenio Rotelli

        No spazio insufficente, i pali poi li devono togliere dal centro e mettere anche sull’altro lato.

  • Abiff

    Stanno togliendo qualche centinaio di posti auto tra viale Trento e Trieste, via Dante, e ora Porta Milano, con la promessa dell’allora assessore alla mobilità di realizzare per compensazione il parcheggio multipiano.

    In realtà i posti auto spariscono e del multipiano nessuna traccia. Bravi, bravi, bravi. State uccidendo la città rendendola sempre meno fruibile da chi arriva in auto.

  • Romolo

    ahia …

  • Abiff

    Mi chiedo se nella furia di togliere i posti auto in via Dante, gli amministratori hanno tenuto conto che sopra l’Italmark c’è un centro medico frequentatissimo anche da malati (ovviamente) e di anziani.

    Mia suocera ha 90 anni e praticamente non cammina più. Già ora è difficile trovare posto per l’auto per portala dal medico, e prossimamente diventerà un vero problema. Per portarla da medico dove mettiamo la macchina? Al cimitero? Come minimo l’amministrazione dimostra un disinteresse cinico e …macabro.