Cronaca
Commenta9

Natale senza luci? Probabile ricorso in extremis a Botteghe E Crema investe 70mila euro

Si terrà lunedì prossimo la riunione del tavolo del Distretto Urbano del Commercio (a cui da quest’anno partecipa anche il sindaco Galimberti, oltre all’assessore Barbara Manfredini) per discutere tra l’altro delle iniziative del Natale. La discussione verte sulla mancanza di progetti per l’allestimento degli eventi (mercatini, intrattenimenti, festa di capodanno, luminarie), essendo andato deserto il bando pubblicato dal Comune e nonostante sei aziende avessero manifestato interesse a partecipare. A conti fatti, i 35mila euro messi sul piatto dal Comune, a cui l’organizzatore avrebbe dovuto aggiungerne altri da sponsor, non sono sembrati sufficienti. In effetti, la vicina Crema ne metterà a disposizione 70mila: 40 dal Comune, 15 dalla Camera di Commercio più il contributo degli esercenti, che l’anno scorso si era attestato intorno agli 8mila euro. Il programma, organizzato dalla stessa Camera e dalla Pro Loco, è stato presentato proprio ieri: prevista una grande palla luminosa di fronte al Municipio, all’interno della quale i passanti potranno scattare fotoricordo e i classici filari di luci saranno sostituiti con greche a fiocco di neve, mentre le porte di accesso alla città saranno nuovamente illuminate a led. Previsti anche concerti itineranti e ovviamente mercatini.

Anche il confronto con i capoluoghi vicini appare impietoso per Cremona: solo per il Capodanno il comune di Bergamo mette a disposizione 50mila euro e la vicina Mantova addirittura 120mila. Questione di scelte politiche, perchè di questi tempi, nessun ente locale ha troppi fondi a disposizione.

Una soluzione per uscire dall’impasse, visto il pochissimo tempo a disposizione, potrebbe essere l’affidamento a Botteghe del Centro, almeno per quanto riguarda le luminarie, come del resto è  stato fatto per anni. Solitamente sono i singoli commercianti a contribuire personalmente alle luci, andando così ad integrare il budget degli sponsor e del Comune.

Non è detta comunque l’ultima parola: anche lo scorso anno una prima versione del bando era andata deserta, poi con alcuni ritocchi al pacchetto iniziale, gli eventi vennero organizzati dalla milanese ‘Justly’, concerto di Capodanno compreso: l’annuncio dell’organizzatore venne dato molto tardi, oltre la metà di novembre. g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti