Commenta

Estate, tre proposte
di volontariato in
strutture Caritas

(foto diocesidicremona.it)

Nonostante le limitazioni e le necessarie norme di sicurezza, anche per l’estate 2020 la Caritas diocesana propone alcune esperienze di volontariato per i giovani sul territorio diocesano: un’esperienza di servizio in una delle strutture di volontariato attive sul territorio, in linea con le competenze di ciascuno.

La prima proposta è quella di un periodo di servizio presso la Fattoria della carità di Cortetano, una comunità maschile per minori adolescenti. La proposta estiva di Caritas consiste nella partecipazione di un giovane volontario alle gite giornaliere in bicicletta nel territorio, con un educatore e 5 ragazzi ospiti della Fattoria. L’esperienza per il volontario sarà il supporto diretto all’educatore quanto la condivisione dello “stare” all’interno del gruppo. In caso di necessità la comunità potrebbe mettere a disposizione del volontario una mountainbike. Le gite avranno una frequenza di 1 o 2 volte a settimana e potrebbero prevedere, se le direttive sul Covid19 lo permetteranno, di trascorrere la notte in tenda in aree libere o attrezzate. Info Mattia Ferrari (331-1708683).

La seconda opportunità coinvolge invece l’opera segno della Isla de burro, fattoria di Zanengo che ospita un progetto di interventi assistiti con animali (pet therapy), promosso da Caritas cremonese e gestito dalla Cooperativa sociale servizi per l’accoglienza, che coinvolge 17 asini, 2 cavalli e 1 mulo, ed è formalmente riconosciuto e autorizzato dalla Regione Lombardia. Le esperienze cui i volontari parteciperanno che si vivranno non sono pensate in modo specifico, ma diluite nella normale gestione della vita della struttura. I volontari potranno essere accolti per tutto il mese di luglio e le prime due settimane di settembre. La durata dell’esperienza potrebbe essere settimanale, con un impegno prevalentemente mattutino. Info Marco Ruggeri (338-7842081).

La terza esperienza proposta ai giovani è quella di un periodo di volontariato presso Casa di Nostra Signora, a Cremona in via Ettore Sacchi. La struttura si pone a sostegno della condizione femminile più fragile, accanto a quella dei propri figli. Durante l’estate vi saranno ore dedicate allo studio e al recupero delle fragilità relativamente ai programmi scolastici e un’attività al giorno, possibilmente all’aperto, che comprenderà una tra le seguenti proposte: l’uso della piscina a piccoli sottogruppi, giochi di gruppo, laboratori creativi anche di cucina, attività fisica come biciclettate e yoga, uscite didattiche guidate, attività di pet therapy sempre con l’accompagnamento di educatrici professionali. Info Nicoletta D’Oria Colonna (334-1062553).

© Riproduzione riservata
Commenti