3 Commenti

Ponchielli, Poli: 'Opposizione
ossessionata dai nomi: criteri
saranno meritocratici'

Non si è affatta attendere la replica della maggioranza, dopo l’attacco portato dai consiglieri di minoranza Carlo Malvezzi (Forza Italia) e Maria Vittoria Ceraso (Viva Cremona) sul delicato tema del Teatro Ponchielli (qui l’articolo completo). A rispondere, infatti, è stato il capogruppo Pd in Consiglio Comunale: “L’opposizione è ossessionata dai nomi, a noi interessa molto di più il progetto e il futuro del teatro Ponchielli.  Sul merito del teatro abbiamo accolto la proposta di un confronto avanzata dalla minoranza che è avvenuto proficuamente in commissione con tutti i membri del cda. Purtroppo con la scelta che ritengo sbagliata della sovrintendente di non partecipare alla riunione. Ma ora guardiamo al futuro e lasciamo stare il gossip sui nomi e sui retroscena”.  “Il cda della Fondazione Ponchielli – conclude Poli – ha incaricato una società quotatissima per selezionare i migliori candidati alla sovrintendenza del Teatro. Una scelta quindi interamente votata a criteri meritocratici come merita la storia bellissima del nostro teatro. E la politica faccia due passi indietro”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Braccioforte

    In effetti tutto funziona per il meglio, le nomine dei “meritevoli” in questi anni hanno portato ad ottimi risultati nel commercio, nella mobilità nelle manutenzioni stradali, nei servizi sociali, nella cultura, nell’illuminazione pubblica, nella segnaletica, nello sport, e si potrebbe continuare citando il covid manager, il disability manager ecc ecc.

    • Jeppetto

      Nessuno parla mai degli 11000 euro per le “onde” sul corso, oppure della scritta “Boccaccino”: non c’era merito, c’era buttare i soldi dalla finestra… D’accordo, era tutto regolare: appalto, concorso., ma…

      • Roberto Regonelli

        Concordo.