Commenta

Emozione e commozione per
la tappa cremonese della
ciclopedalata Codogno-Vo'

Fotoservizio Francesco Sessa

Hanno fatto tappa a Cremona nella mattinata di sabato i protagonisti della ciclopedalata Codogno-Vo’, tra cui anche la società sportiva cremonese Biesse Arvedi Cycling. Un momento per ricordare quanto accaduto nei mesi dell’emergenza Covid, celebrando i comuni che hanno più sofferto. Emozionante la consegna simbolica di due maglie, segno riconoscente dedicato a medici e infermieri.

“Siamo felici per questa tappa cremonese dell’evento” ha detto Giuseppe Rossi, direttore generale dell’Asst di Cremona. “Ringrazio gli organizzatori per aver pensato anche a noi che siamo stati per mesi al centro dell’emergenza sanitaria. Gesti come questo sono linfa vitale, ci fanno sentire davvero parte di una comunità solidale, capace di superare i confini territoriali e ritrovarsi unita. La consegna simbolica delle maglie è dedicata a tutte le donne e gli uomini  che praticano la professione della cura”.

Ad accogliere la delegazione, davanti alla tenda del Triage, erano presenti Samin Segdi Zadeh (medico – Direzione Medica) e Giovanni Vultaggio (infermiere del Pronto Soccorso con la passione per il ciclismo).

© Riproduzione riservata
Commenti