8 Commenti

Inaugurata la nuova
statua del Cristo
sul LungoPo Europa

Fotoservizio Sessa

Inaugurata nel tardo pomeriggio di Ferragosto la nuova statua del Cristo, che ha trovato dimora sul lungo Po Europa, nell’area che si affaccia sul Mandracchio. La struttura, in cemento e legno, costruita da Mario Spadari durante il lockdown, è alta circa 4 metri e peso 60 chili. Il punto scelto per la posa consente di ammirare l’opera sia da terra sia dal Po, nello spazio circolare in fondo alla strada, nei pressi della Canottieri Flora.

La cerimonia di inaugurazione del Cristo, organizzata da Luciano Bolzoni, si terrà nel pomeriggio di sabato 15 agosto, alla presenza dell’autore, quando l’opera verrà benedetta. Un momento che potrà richiamare anche coloro che quest’anno non potranno partecipare alla processione dell’Assunta, saltata durante il Covid.

La scultura va a sostituire il Cristo della Canalina, la statua lignea che era situata appunto vicino alla canalina, scolpita 30 anni fa dallo stesso Spadari, scomparsa misteriosamente, forse rubata, dopo essere stata sbullonata.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Dmaster

    Se ne sentiva il bisogno, tra un po’ ci saranno più cristi che alberi….

    • carabinosonio

      Ci sono già più cristi che alberi: tutti quelli che tiriamo giù passando in bici tra quelle giungle che chiamano ciclabili… 😉

  • ciclo-pe

    Non riesco con tutta la buona volontà a capire il nesso tra il Fiume e il Cristo crocefisso, anzi i vari cristi che ormai si trovano sulle sue sponde. Qui siamo sulla passeggiata pubblica del lungo Po e in una zona paesaggisticamente rilevante e dovrebbe essere il Comune a decidere come organizzare l’arredo urbano o cosa altro mettere per rendere la passeggiata più interessante e offrire qualche servizio anche a chi non è socio di una canottieri. Va bene per i servizi religiosi ma anche un chiosco che ti disseta sarebbe parimenti evangelico

    • Abiff

      Concordo, aggiungendo che avrei preferito un Giacometti ma la mattina dopo sarebbe già nel Dubai.

  • crisformetal

    Non se ne può più,la gente non va più in chiesa allora mettono sto povero cristo ovunque…

  • franz kapp

    Una nuova versione della passione e morte di Cristo: non morì crocifisso ma impalato.

    • Abiff

      Con il numero di romeni che abbiamo in città, di cui sicuramente qualcuno della Transilvania, così rimane vivo anche il ricordo di Vlad l’Impalatore.

  • auroraazzurra

    Vi prego,non definiamola Statua.Secondo il mio vedere e gusto è un obbrobrio !!! Le statue sono diverse.