Ultim'ora
Commenta

Smog sulla città:
tornano a crescere
i livelli di polveri sottili

Dopo una primavera ed estate di aria pulita, anche grazie al lockdown, da un paio di giorni è tornato a crescere il livello di smog nel territorio cremonese. Il 15 settembre sono state le centraline di Spinadesco e via Fatebenefratelli a misurare lo sforamento della soglia limite delle Pm10, registrando rispettivamente 56 e 51 microgrammi per metro cubo (ancora non noti i dati del 17). Nella giornata di mercoledì 16 sono ulteriormente cresciuti i valori registrati nelle due centraline, pari a 59 µg/m³ a Spinadesco e 54 allo Zaist.

Una situazione che, a fronte di un clima per ora privo di precipitazioni, rischia di peggiorare nei prossimi giorni. Come se non bastasse, è slittato a gennaio 2021 il blocco alla circolazione dei veicoli Euro4 diesel, che era in programma per il 1° ottobre 2020. Una decisione assunta dalle Regioni del Bacino Padano a luglio, in seguito alle valutazioni emerse dagli effetti causati dall’emergenza sanitaria.

Con l’introduzione della limitazione dei veicoli Euro 4 diesel ed Euro 1 benzina saranno individuate le corrispondenti deroghe chilometriche, tenendo conto di un bilancio complessivo di riduzione delle emissioni stimate. In parallelo saranno inoltre aggiornate le misure temporanee al verificarsi di episodi di accumulo degli inquinanti. L’emergenza Covid-19 ha infatti imposto riflessioni anche sulla sostenibilità ambientale e condotto la Regione Lombardia a valutare l’inserimento dello smartworking come misura di limitazione temporanea. Saranno inoltre introdotti incentivi per la sostituzione degli impianti di riscaldamento a biomasse più inquinanti.

© Riproduzione riservata
Commenti