Cronaca
Commenta

Trasporto pubblico, domani
sciopero di 24 ore in Lombardia

In Lombardia è stato proclamato per domani, venerdì 26 marzo, lo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico per ottenere il rinnovo del contratto collettivo nazionale scaduto alla fine del 2017. Lo sciopero è stato indetto dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl e Orsa Trasporti. La decisione, spiegano le sigle sindacali, “è stata assunta in seguito al rifiuto delle associazioni datoriali Asstra, Agens e Anav, di proseguire il confronto negoziale avviato a novembre del 2020”. A Cremona Km sciopererà dalle 9 alle 11.30 mentre Autoguidovie dalle 8.30 alle 15 e dalle 18 a fine servizio.

“Come più volte sottolineato – spiegano i sindacati – il trasporto pubblico è un servizio fondamentale che occupa più di 100 mila lavoratrici e lavoratori che, anche durante il periodo più duro del lockdown, hanno sempre garantito il diritto alla mobilità delle persone, anche a rischio della loro salute. È stato chiesto – prosegue la nota sindacale – un sacrificio importante ai lavoratori del trasporto pubblico, che hanno risposto con professionalità e senso di abnegazione ai bisogni del Paese, e che hanno contribuito e ancora contribuiscono a mantenere vivo un servizio indispensabile. Non comprendiamo – sottolinea ancora il sindacato – come lavoratori ritenuti indispensabili nei momenti di crisi possano rimanere inascoltati quando chiedono il rispetto di un diritto elementare come quello del rinnovo contrattuale. In Lombardia – conclude la nota – abbiamo una ragione in più per scioperare: la mancanza di un coordinamento fra istituzioni e la totale assenza di Regione Lombardia nella gestione di un servizio essenziale come il trasporto dei cittadini lombardi”.

© Riproduzione riservata
Commenti