Cronaca
Commenta8

Il futuro di via Giordano: Comune
verso progetto esecutivo

Per risolvere i problemi di via Giordano –  Cadore, il Comune ha in corso una richiesta di finanziamento, tramite bando, per predisporre il progetto esecutivo di sistemazione viabilistica ma anche una vera e propria ‘rigenerazione’ dell’area. L’assessore all’Ambiente e Mobilità Simona Pasquali lo ha spiegato nella riunione svoltasi in settimana con il Comitato di Quartiere che attraverso la presidente Maria Cristina Arata aveva espresso insoddisfazione per il mancato inserimento della zona negli ambiti di rigenerazione urbana, e per i mancati interventi alternativi dopo la cancellazione della strada sud.

“La progettazione esecutiva è il primo passo per poi accedere ai bandi per il finanziamento delle opere”, afferma Pasquali.  “Il comparto Giordano – Cadore è complesso, non serve solo un riordino viabilistico ma, come lo stesso Comitato richiede, bisogna mettere mano ad una riqualificazione complessiva che comprenda anche via Cadore e zone limitrofe. Per questo vogliamo fare un ulteriore passaggio con il comitato partendo dal progetto preliminare già esistente su via Giordano, per raccogliere ulteriori proposte in vista della redazione del progetto esecutivo”.

Nel comitato sono entrati tre nuovi membri, per questo si vuole capire se, a 5 anni di distanza, il progetto preliminare che prevede la doppia pista ciclabile lungo la trafficata via Giordano, affiancata ai marciapiedi, sia ancora un approccio attuale. “Io capisco i residenti – continua Pasquali –  ma mettere mano a quel comparto è una cosa importante.

“Nella riunione ho anche detto che bisogna considerare le esigenze della mobilità sostenibile”, quindi l’ipotesi di pista ciclabile proposta cinque anni fa dall’assessore Alessia Manfredini, non è al momento scartata. Ma, aggiunge Pasquali, “è necessario valutare che genere di sosta c’è in via Giordano e via Cadore: residenti ma anche, come sostengono molti di loro, parcheggi a rotazione e sosta lunga”.

Per quanto riguarda un’altra zona problematica, quella di via Argine Panizza, le richieste del comitato sono tante e vanno dalla sistemazione dell’area cani all’asfaltatura della strada che costeggia il parchetto, fino alla richiesta di sostituire le panchine: l’assessore al Verde Rodolfo Bona ha fatto presente che pur essendo stata istituita, a differenza degli scorsi anni, un’apposita voce di bilancio per le piccole manutenzioni, occorrerà definire insieme al Comitato una priorità di interventi, perchè sarà impossibile realizzarli tutti in breve tempo. Dunque, anche in questo caso, la collaborazione fattiva del comitato di quartiere (in questo come negli altri quartieri cittadini) sarà di grande importanza.

© Riproduzione riservata
Commenti